Cofiter apre al comparto agricolo


Con garanzie finanziarie al 50% per importi complessivi che vanno dai 300 mila ai 750mila euro, Cofiter (Confidi Terziario Emilia-Romagna), forte di 35mila soci e della collaborazione con le reti di Confcommercio e Confesercenti, si apre al comparto agricolo. Sono infatti a pieno regime tre prodotti ad uso e consumo sia di chi è già coltivatore ma vuole potenziare la propria impresa, sia di chi lo vuole diventare scommettendo sul proprio futuro. Coinvolto è tutto il territorio regionale. Come spiega il presidente, Marco Amelio, “l’operazione ha un triplice presupposto: rispetta la vocazione territoriale, rientra nella politica di diversificazione e ampliamento dei nostri ambiti di intervento, ambisce ad intercettare nuovi bisogni e soprattutto nuove opportunità”. Questi, in sintesi, i prodotti con garanzie al 50%: credito di miglioramento, per un importo complessivo di 750 mila euro, per sostenere spese relative all’acquisto e alla valorizzazione di fondi, alla costruzione e ristrutturazione dei fabbricati, alla realizzazione di opere irrigue o tese al risparmio energetico; credito di dotazione, 500 mila euro per acquisto di scorte, macchinari, attrezzature; credito di conduzione, 300 mila euro per spese relative ad anticipo agevolazioni pubbliche (Pac e Psr), invecchiamento e stagionatura prodotti. Soddisfatti i vertici Cofiter.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet