Coconino Press, 10 anni di sogni e disegni


BOLOGNA, 14 SET. 2010 – Da dieci anni trasforma “belle storie in bei libri”. Nata nel 2000 da un progetto di Igort, Carlo e Paola Barbieri, la casa editrice bolognese Coconino Press ha pubblicato dal 2000 ad oggi oltre 250 volumi di fumetto d’autore. E adesso festeggia il suo compleanno con una settimana di eventi e incontri nelle librerie che porteranno a Bologna dal 16 al 23 settembre i migliori autori e disegnatori del panorama del graphic novel.Il festival si concluderà con un incontro che vedrà la partecipazione di Domenico Procacci, il fondatore della celebre casa di produzione cinematografica Fandango ed editore della casa editrice Fandango Libri, che con Coconino Press ha stretto un anno fa una solida alleanza per lavorare insieme su progetti, narrazioni e co-edizioni tra graphic novel, letteratura, cinema. Tra gli ospiti che dialogheranno con il pubblico nel corso del festival ci sono noti artisti della “squadra” Coconino come lo stesso Igort, Gipi, Moni Ovadia e molti altri, oltre a scrittori come Gianluca Morozzi e critici e studiosi come Goffredo Fofi.Alla base del progetto di Coconino e Fandango c’è una convinzione: il graphic novel, la cui storia ha radici lontane, col suo intreccio di letteratura e disegno è una delle forme di espressione più valide e mature per capacità di raccontare il nostro tempo. Per questo fin dal 2000 la Coconino ha fatto conoscere in Italia le migliori firme e i capolavori internazionali del romanzo a fumetti (Clowes, Burns, Taniguchi, David B). Al tempo stesso ha dato spazio nel catalogo ai giovani artisti italiani, facendo emergere con la direzione artistica di Igort una nuova leva di autori oggi affermati, da Gipi a Davide Toffolo e Francesca Ghermandi, fino a Nanni, Fior, Reviati.È il progetto al quale ha preso parte fin dall’inizio l’editore bolognese Carlo Barbieri, che ha fatto crescere la Coconino Press con tutta la sua grande competenza e il suo altrettanto grande entusiasmo. Alla memoria di Carlo, scomparso all’improvviso l’anno scorso, è dedicato questo festival. Con tutto l’affetto della “squadra” Coconino Press. Come segno di un percorso che continua, alla ricerca costante di “belle storie in bei libri”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet