Cnh, i sindacati avvertono: “Lunedì si torna al lavoro”


IMOLA (BO), 27 AGO. 2009 – "A fronte delle richieste di incontro e dei relativi solleciti presentati dalle strutture nazionali per la vertenza della Cnh, ad oggi non abbiamo ancora avuto notizie relative all’ applicazione della Cigs richiesta unilateralmente dall’azienda al termine della Cigo". Comincia così la comunicazione inviata da Fim-Fiom-Uilm di Imola ai vertici dell’azienda in relazione al termine del periodo di Cassa integrazione ordinaria, che dovrebbe poi diventare straordinaria. Preso atto del silenzio relativo alla sorte dei più di 450 lavoratori a rischio, il ragionamento dei sindacati metalmeccanici è piuttosto semplice: "Il termine dell’accordo di Cigo è previsto in data 29 agosto – ricordano – Di conseguenza, in assenza di comunicazioni o incontri specifici, si ritiene che il 31 agosto i lavoratori debbano rientrare nel posto di lavoro, in quanto formalmente non coperti da alcun ammortizzatore sociale". "Questa comunicazione – commenta il segretario Fim-Cisl di Imola, Marzia Montebugnoli – è un atto necessario per poter assicurare una copertura formale ed economica ai lavoratori che attualmente, in assenza di riscontro alla richiesta di convocazione urgente avanzata dai sindacati, si trovano in uno stato di insicurezza negativa e non più prorogabile".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet