Cna: serve anche la Tirreno-Brennero


La Presidenza di CNA Parma ha affrontato nei giorni scorsi il tema divenuto di forte attualità in queste settimane, cercando di ripercorrere la lunga vicenda che ha accompagnato l’evolversi del progetto viario Tirreno – Brennero, finendo per rimanere sorpresa di fronte ad un’ipotesi che pare voler mettere da parte molti presupposti ed altrettante opportunità su cui l’economia di questo territorio ritiene ad oggi di poter contare. “Sorprende innanzitutto l’atteggiamento della Regione” fa notare Gualtiero Ghirardi, presidente Cna Parma “che avanza un’ipotesi di questa portata senza averla minimamente confrontata con le realtà del territorio espressione dell’economia, ma forse neppure con la parte politica, al contrario di quanto avvenne quando, tempo fa, questa scelta si trattò di condividerla”. CNA Parma esprime poi stupore per le motivazioni addotte, in buona parte pretestuosa quella dell’impatto ambientale e altrettanto poco credibile quella dei costi. “Il costo dell’opera è sempre stato uno degli argomenti su cui hanno fatto leva i detrattori dell’intervento” sostiene Ghirardi “quando invece, così come avvenuto interamente per il primo lotto, i costi sarebbero in capo al Concessionario e solo in minima parte a carico dello Stato”. Critiche arrivano dalla Presidenza di CNA Parma, anche sull’ipotesi di collegamento con la spesso richiamata Cispadana, ritenuta decisamente più impattante dei pochi chilometri che separano il primo tratto di TI-BRE dal confine della Regione. CNA sostiene poi la convinzione che l’opera stradale non possa essere ritenuta alternativa alla costruzione della TI-BRE ferroviaria di cui si parla da decenni ma che sembra invece riesumata ad arte in questo momento per essere contrapposta alle argomentazioni di chi sostiene la necessità di completare il tratto autostradale dell’arteria. Guardando ad interessi che non possono fermarsi sulle rive del Po, Ghirardi ritiene che “la TI–BRE sia importante per un’area che va ben oltre la provincia di Parma, superando anche un più vasto territorio che potrebbe configurarsi con le province di Piacenza, Parma e Reggio, la TI-BRE è da vedere come strategica per un’area ben più estesa che va dal Veneto alla Liguria attraverso Lombardia, Toscana ed Emilia. L’auspicio che esprime il Presidente di CNA è pertanto quello che “il Governo Regionale possa avere un rapido ripensamento, con l’inserimento del completamento della parte mancante di quest’arteria tra le priorità infrastrutturali della Regione Emilia Romagna, a cui Parma e quella parte importante di economia che CNA ha il dovere di rappresentare, si onora di appartenere”.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet