Cna: lieve ripresa del mercato interno


Una crescita consistente, quella marcata nel quarto trimestre dell’anno dalle imprese modenesi sino a 50 dipendenti, nelle quali la produzione è cresciuta, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, di ben il 4,3% (4% il fatturato). Una crescita per una volta dovuta ad un’inattesa vitalità del mercato interno, come dimostra il fatto che, per la prima volta dopo undici trimestri consecutivi, la quota di export si ferma sotto il 20% (per la precisione al 18,9%). Le attese, però, non solo esaltanti: gli ordinativi nelle mani degli imprenditori, infatti, parlano di un calo del 4,9 in Italia, un passo indietro che nemmeno l’attesa crescita del fatturato estero (+4%) riesce a compensare. Una crescita generale e diffusa, nei diversi settori monitorati dall’indagine, che si rifà al solo settore manifatturiero della nostra economia. L’unico segno meno, infatti, riguarda la carpenteria metallica. “Può sembrare paradossale, ma la generale discesa dell’export ha una chiave di lettura positiva, perché indica una ripresa del mercato nazionale. Rimane una forte preoccupazione per la mancanza di prospettive a lungo termine. Le aziende, cioè, navigano ancora a vista, alle prese con interrogativi sia di natura squisitamente economica che politica (pensiamo, ad esempio, alle difficoltà della Russia, che stanno minando le potenzialità di un mercato che appena qualche mese fa rappresentava un’area di grande interesse anche per le pmi modenesi, o all’instabilità nei paesi nordafricani e mediorientali). Ciò rallenta gli investimenti, che davvero potrebbero dare un grande impulso a quella sorta di “ripresina” che ci si attende per il 2015”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet