Cna controcorrente: nuovi fondi per l’università


REGGIO EMILIA, 28 NOV. 2008 – Anche per il prossimo anno accademico CNA di Reggio Emilia interviene con cospicue borse di studio a favore dei migliori studenti iscritti al corso di laurea specialistica in Economia e sistemi complessi. Complessivamente l’Associazione dell’Artigianato e della Piccola Impresa che associa quasi undicimila aziende della provincia, ha deciso di confermare il finanziamento di 5 borse di studio a sostegno dell’iniziativa didattica dell’Università degli studi di Modena e Reggio Emilia. Il corso di laurea specialistica in Economia e Sistemi complessi, che ha pochi confronti con altre offerte presenti nel panorama formativo universitario italiano, ha le caratteristiche di una laurea in scienze economiche, fornendo però una preparazione adatta ad affrontare in maniera consapevole ed efficace i problemi legati all’innovazione, alla globalizzazione, alla dinamica dello sviluppo locale, all’interazione con l’ambiente e alla gestione di imprese in un contesto turbolento come quello attuale. Il contributo di CNA di Reggio Emilia consentirà di istituire 5 borse di studio per gli studenti del primo anno del valore di 2.800 euro ciascuna che saranno attribuite sulla base del merito (curriculum vitae, voto di laurea, eventuali pubblicazioni e esperienze professionali) da una Commissione formata da un rappresentante di CNA e da due docenti del corso di laurea specialistica. Anche la seconda edizione delle borse di studio saranno intitolata a Maria Casoli, la prima impiegata della Libera Associazione degli Artigiani divenuta poi CNA. “Per CNA è un piacere ma anche un dovere sostenere l’Università – spiega il presidente di CNA Reggio Emilia Enrico Bini – nelle finalità di questo corso abbiamo ravvisato la coerenza degli obiettivi formativi e professionali con la richiesta del mercato del lavoro e, in particolare, con le esigenze di crescita del sistema delle piccole e medie imprese, cuore della economia locale”. “L’associazione che presiedo rappresenta un quarto dell’economia provinciale; siamo dunque consapevoli dell’importanza del radicamento tra l’Ateneo e il territorio in cui esso agisce ed opera – continua Bini – come CNA cerchiamo con convinzione un dialogo e un confronto con il mondo della scuola a tutti i livelli, soprattutto con la scuola superiore e il livello universitario. Il nostro sistema produttivo ha davvero bisogno di un’università di qualità che l’affianchi e l’aiuti a produrre qualità e innovazione. Con queste borse di studio CNA ha inteso dare il proprio contributo a rendere sempre più interessante la proposta formativa specialistica della nostra università”. “Vorrei innanzitutto sottolineare – ha dichiarato il prof. Giovanni Bonifati, Presidente del corso di Laurea specialistica – che in questo momento travagliato della vita dell’Università italiana è particolarmente significativa la scelta della CNA di Reggio Emilia di finanziare 5 borse di studio per i migliori studenti della laurea specialistica in Economia e sistemi complessi. È un segnale concreto dell’apprezzamento da parte di una importante associazione presente nel tessuto produttivo locale per la buona qualità della formazione universitaria.” “L’obiettivo principale del nostro corso di laurea specialistica – ha continuato Bonifati – è quello di formare professionisti nel settore dell’economia, capaci di padroneggiare, oltre ai metodi tradizionali, anche i nuovi metodi della scienza dei sistemi complessi. Fenomeni come l’innovazione, la globalizzazione e la vitalità stessa dei sistemi di piccole e medie imprese, così importanti nel tessuto produttivo italiano e locale, si prestano particolarmente bene a essere studiati a partire dalla prospettiva della teoria della complessità. I sistemi complessi sono caratterizzati dalla presenza di elementi che interagiscono in maniera non lineare, dando origine a proprietà e fenomeni che non sono facilmente prevedibili sulla base della conoscenza del comportamento dei singoli elementi. È per questo motivo che nel nostro corso di laurea specialistica viene posta grande attenzione all’esame dell’interazione fra economia, società e ambiente accanto all’acquisizione delle conoscenze dei principali aspetti della complessità nel mondo naturale e nelle scienze cognitive. Gli studenti che frequentano il nostro corso di laurea specialistica potranno inoltre giovarsi di uno stretto rapporto con l’intensa attività di ricerca, a livello nazionale e internazionale, del gruppo di docenti che ha dato vita al corso di laurea specialistica.” Il bando la cui scadenza è fissata per il 31 marzo 2009 si può scaricare dal sito www.ecos.unimore.it e www.cnare.it Chi era Maria Casoli Maria Casoli è stata la prima impiegata di quella che, nell’agosto del 1945, nacque come Libera Associazione degli Artigiani, successivamente diventata CNA Reggio Emilia. E’ scomparsa la mattina del 30 settembre 2006 all’età di 83 anni: nonostante l’età non più tenera, Maria Casoli non ha mai interrotto i suoi rapporti con CNA. Raggiunta l’età della pensione, ha continuato a profondere grande impegno e dedizione nella Federazione Pensionati, dove anche nei giorni precedenti la morte ha dedicato parte del suo tempo libero. Nel 2005, nel corso dell’Assemblea Elettiva di CNA Pensionati per il rinnovo degli organi, l’Associazione degli Artigiani e della Piccola e Media Impresa, le aveva consegnato una targa, come riconoscimento ai tanti anni spesi all’interno dell’Associazione per farla crescere.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet