Cna a Mirandola, Metamorfosi per ricostruire


BOLOGNA, 20 MAG. 2013 – Torna Cna Next, l’iniziativa promossa da CNA Giovani Imprenditori, CNA Comunicazione e Terziario Avanzato Emilia Romagna. E sceglie come sede Mirandola, uno dei luoghi più copiti dal sisma esattamente un anno fa. Nel maggio 2012 l’evento, previsto a Modena, fu annullato a causa del terremoto. E domani il messaggio sarà quello che ricominciare si può e che questo evento rappresenta l’occasione per parlare insieme delle trasformazioni necessarie per entrare nel futuro. I giovani imprenditori (24.503 gli under 40 associati in regione) e le imprese innovative di CNA (1.767), sono in prima fila per essere protagonisti del cambiamento, di una volontà di migliorare le cose senza aspettare nessuno.“Cna Next – spiega Irene Tagliani, presidente CNA Giovani Imprenditori Emilia Romagna – vuole essere lo spazio per condividere idee e proposte necessarie a costruire un nuovo contesto culturale, fondamentale per comprendere ed indirizzare dinamiche di un mondo aperto, che non è solo legato all’innovazione tecnologica. Un mondo che parte sì dalle rivoluzioni tecnologiche in atto, ma comporta un profondo cambiamento di come l’innovazione avviene e come questa cambia le regole del gioco. Per spezzare un’impasse economica e sociale determinata dalla crisi culturale e finanziaria che ha attaccato il nostro Paese, abbiamo bisogno di cambiare i paradigmi esistenti, incentivando più ampie forme di collaborazione, investendo in capitale umano e promuovendo sinergie fra le intelligenze manifeste e quelle sommerse.” Per raggiungere questo obiettivo, dicono gli imprenditori di CNA, c’è bisogno di una vera e propria “Metamorfosi”. E proprio i modi di come mutare forma per ricostruire il futuro, sono al centro dell’happening di Mirandola. “Metamorfosi” è un termine adatto a tempi di radicali cambiamenti, a partire da uno scenario in continua evoluzione quale quello della rivoluzione digitale e del ruolo che i nuovi artigiani possono avere nei mutamenti in atto. “Noi pensiamo – sottolinea il Presidente regionale di CNA Comunicazione e Terziario Avanzato, Fausto Bigliardi – che questo sia il tempo giusto per cambiare: il tempo in cui le persone e le imprese comunicano e si relazionano tra di loro. E di questo scenario in continua evoluzione, della rivoluzione digitale, della metamorfosi in atto, del ruolo che i nuovi artigiani possono avere nella rivoluzione in atto parleremo domani con Gianni Riotta”.Per avere successo, dicono gli imprenditori di CNA, occorre impiegare con intelligenza nelle imprese, i talenti di persone che sanno guardare lontano. “Perché il talento esca deve esserci l’occasione; e noi l’occasione, la dobbiamo creare”. Ne è convinta Elisa Muratori, responsabile dei Giovani Imprenditori e Comunicazione e Terziario Avanzato di CNA Emilia Romagna. “Con questa iniziativa – sottolinea – intendiamo evidenziare alcuni cambiamenti che stanno avvenendo e dibattere su come le imprese possano “mutare” la loro forma per rimanere competitive sul mercato globale. Da un’indagine commissionata da Google al Boston Consulting Group, emerge che le piccole e medie imprese che usano internet attivamente, crescono più in fretta; raggiungono una clientela più internazionale; assumono più persone e sono più produttive rispetto alle aziende non attive sul web. L’Internet Economy italiana valeva il 2% del Pil nel 2010 ed è previsto che questa quota raggiungerà una percentuale tra il 3,3 ed il 4,3% entro il 2015. Secondo un rapporto effettuato da McKinsey poi, per ogni posto di lavoro effettivamente perso, Internet ne produce 2,5 (1,8 in Italia e 3 in Francia) e in particolare Internet crea occupazione giovanile”.Una buona fetta di questa crescita sarà dovuta alle Pmi. Da qui l’importanza che per CNA riveste la diffusione della cultura dell’imprenditorialità on-line per trarne benefici collettivi. La storia dell’innovazione dimostra che laddove esistono gruppi di persone, di imprese, impegnati in un costante scambio di informazioni o nell’esplorazione di nuove idee e nuovi modi di fare le cose, ecco che da questo circolo virtuoso, scaturiscono le invenzioni e le grandi intuizioni. Questo è sicuramente uno degli obiettivi della giornata di domani, interamente dedicata alle “Metamorfosi”. “Domani – anticipa Irene Tagliani – CNA Emilia Romagna presenterà progetti e iniziative che si muovono nella direzione della concreta digitalizzazione delle imprese. Si parlerà di diffusione del wi-fi tramite un progetto co-finanziato dalla Regione e dell’importanza di poter accedere ad una banca dati con 22.120.958 immagini a disposizione per tutti gli usi professionali con una convenzione che presenteremo proprio in questa occasione. C’è bisogno di progettualità. Gli imprenditori generano ininterrottamente innovazioni capaci di creare un vantaggio temporaneo rispetto ai concorrenti, innovazioni che creano scompiglio perché i concorrenti provano ad adeguarsi ai nuovi business e le istituzioni faticano ad adattarsi alla nuova realtà. Viviamo un periodo di turbolenza, ma è una turbolenza positiva, che prepara un cambiamento importante. Occorre muoversi da subito nella direzione giusta. Questo è essenziale affinchè quella di uno sviluppo più sostenibile, più produttivo possa essere davvero la prospettiva cui aspirare, non quella di un giovane su quattro under 30 che non studia e non lavora (i cosiddetti Neet – not in education, employment or training) perché arreso a non vedere per sé una condizione migliore di quella dei propri genitori.”

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet