Cmr scricchiola sotto il peso della crisi del mattone


© TelereggioREGGIO EMILIA, 9 MAR. 2012 – Il consiglio di amministrazione della Cooperativa Muratori Reggiolo ha dovuto prendere atto di difficoltà finanziarie senza precedenti, legate ai molteplici fattori che determinano l’attuale profonda crisi del mercato immobiliare. Da qui la necessità di definire e rendere praticabile un piano straordinario cui affidare la tutela del lavoro per gli oltre 150 soci lavoratori, del prestito sociale, dei crediti riconducibili a fornitori e banche. L’operazione è affrontata con il sostegno e l’impegno finanziario del movimento cooperativo provinciale, grazie al quale si prevede di mettere in sicurezza, anche attraverso la costituzione di una nuova società, sia le attività lavorative nei cantieri aperti che il rispetto degli impegni derivanti dal portafoglio ordini.L’assemblea dei soci di CMR dovrà a breve valutare anche la possibilità del ricorso al concordato preventivo, con la nomina successiva di un commissario da parte del tribunale di Reggio Emilia. Il consiglio di amministrazione della cooperativa, presieduta da Alberto Rebuzzi, ha diffuso un comunicato nel quale si sottolinea la grande difficoltà odierna di accesso al credito, che penalizza sia le famiglie che le imprese, determinando gli effetti negativi sul mercato delle costruzioni che sono sotto gli occhi di tutti."L’ingente sforzo che stiamo mettendo in campo, dice il comunicato, ci auguriamo garantisca la buona reputazione e il patrimonio di fiducia che CMR ha saputo costruire in oltre cento anni di attività".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet