Cmb celebra 110 anni di storia con un utile di 6,6 milioni


Centodieci anni con l’elmetto in testa, anche in senso metaforico: l’anniversario della CMB di Carpi questa volta cade in un contesto ben diverso dal precedente, un centenario inquietato dall’ombra della crisi, che ha colpito l’edilizia più di ogni altro comparto. Oggi la Cooperativa Muratori e Braccianti può vantare un quadro generale di cui andare fieri, parole testuali del presidente Zini, con un giro d’affari da 525 milioni di euro, un utile di 6,6 milioni, e progetti imponenti in agenda. Il giorno del centodecimo compleanno, tuttavia, è stato incentrato sulle persone: quasi cinquanta nuove assunzioni verranno definite nel prossimo futuro, metà delle quali tra i giovani, dando priorità ai figli dei soci lavoratori storici. Novità importante, la destinazione di parte dell’utile sotto forma di ristorno ai piccoli soci, e di premio ai lavoratori. Una menzione specifica è stata rivolta a Ruben Saetti, assolto con formula piena al termine dell’indagine sull’appalto all’Ospedale di Goro. Sentenza che Zini e CMB portano ad esempio di una lunga storia aziendale costruita sull’etica.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet