Clima pazzo 2017 impone polizze-salva reddito


Il susseguirsi di eventi atmosferici estremi di quest’anno rende evidente la necessità di prevedere strumenti assicurativi sempre più articolati per il sostegno del reddito delle imprese agricole. E’ il messaggio lanciato oggi dal presidente di Asnacodi, Associazione Nazionale dei Consorzi di Difesa, Albano Agabiti, aprendo la due giorni del V Forum internazionale sui cambiamenti climatici e variabilità dei redditi in agricoltura. Punto centrale della prima giornata dei lavori promossi da Asnacodi sono le ricadute dei cambiamenti climatici sulla vita quotidiana delle imprese del settore primario in prima linea in questa situazione e la necessità di prevenire, piuttosto che curare, le conseguenze delle calamità naturali. Interessante, a
questo proposito, la testimonianza portata a Roma dagli esperti dell’Agenzia dell’ambiente della regione Emilia Romagna (Arpae) nel monitoraggio del clima per fornire informazioni anche
preventive per l’agricoltura. Una materia approfondita anche con diversi tecnici delle compagnie internazionali di riassicurazione. Il Forum ospita anche un focus sull’innovazione per
illustrare le nuove tecnologie utilizzate per monitoraggi sempre più puntuali delle produzioni e dei danni, per razionalizzare l’uso dell’irrigazione in funzione preventiva e coordinata con le coperture assicurative per la siccità. Ampio spazio infine in questa prima giornata al modello organizzativo dei consorzi di difesa come esempio di aggregazione delle imprese agricole per
la gestione dei fondi mutualistici e l’applicazione della Politica agricola comune.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet