Cisl e Cgil contro la Camera di commercio: comportamento antisindacale


REGGIO EMILIA, 11 SET 2009 – Secondo i sindacati della Funzione pubblica FP CGIL e FPS CISL, l’Amministrazione della Camera di Commercio di Reggio Emilia, durante le ferie estive, ha adottato una serie di provvedimenti interni sulla base di non meglio specificati motivi d’urgenza, che rappresentano sostanzialmente l’avvio di una strisciante riorganizzazione dell’Ente, senza che sia stato effettuato preliminarmente il necessario confronto con le organizzazioni sindacali e la RSU e nonostante sia stato espressamente ed ufficialmente richiesto da parte sindacale (anche per iscritto).“L’Ente – scrivono i sindacati – ha palesemente attuato un comportamento antisindacale, non rendendo possibile alle rappresentanze sindacali discutere nel merito le problematiche di tale operazione e, soprattutto, le ricadute che tali scelte potrebbero determinare sul restante personale dell’Ente. L’assemblea dei lavoratori, convocata il 9 settembre, ha evidenziato che sussiste una situazione di forte disagio tra i lavoratori stessi, così come emerso in modo chiaro dalla ricerca sul clima aziendale commissionata recentemente proprio dall’Amministrazione della CCIAA di Reggio Emilia”. “Le decisioni che l’Ente sta prendendo – continua la nota sindacale – vanno nella direzione opposta rispetto alle azioni consigliate dallo studio di cui sopra, secondo il quale l’Amministrazione dovrebbe invece cercare di favorire, nei rapporti con il personale, la partecipazione ed il coinvolgimento dei lavoratori, la trasparenza, le pari opportunità e la valorizzazione delle professionalità interne. L’assemblea ha infatti ribadito che la scarsa volontà, in questa occasione quasi nulla, da parte dell’Amministrazione di promuovere la partecipazione dei lavoratori nelle decisioni dell’Ente, denota una sostanziale mancanza di rispetto nei confronti del personale che ha tutto il diritto di sapere quali sono le intenzioni dell’Ente rispetto all’organizzazione, di poter contribuire al buon funzionamento della Camera di Commercio e di poter svolgere un ruolo attivo nel raggiungimento degli obiettivi che potranno essere condivisi”.In conseguenza di questa situazione FP CGIL e FPS CISL hanno presentato ricorso al Giudice del Lavoro per comportamento antisindacale.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet