Cir Food, nel 2013 utile in crescita del 13%


Si è chiuso con un utile netto pari a 12,7 milioni di euro, in rialzo del 13% sull’anno precedente, l’esercizio 2013 di Cir Food, attiva nel settore della ristorazione. I ricavi – si legge in una nota – sono ammontati a 491 milioni, in rialzo del 2% sul 2012 mentre il margine operativo lordo è passato dai 34 milioni del 2012 a 37 milioni. A livello consolidato – ossia includendo anche le società partecipate italiane e estere come Cir Golden Rest Bulgaria, Esedra Belgio e Cir Food Usa – i ricavi sono ammontati a 495,5 milioni con un incremento del 2% rispetto all’anno precedente mentre l’utile netto si è attestato a 13,9 milioni. Cir Food – che nel 2013 ha servito 76 milioni di pasti in 15 Regioni italiane grazie a 10.700 dipendenti, di cui il 90% donne – rafforzerà la propria compagine societaria attraverso la fusione per incorporazione della società cooperativa “8 Marzo”, con sede a Livorno e 200 persone impiegate che si aggiunge all’acquisizione del 100% delle quote di Alisea, impresa fiorentina specializzata nella ristorazione ospedaliera in Toscana.

 
Quanto al quadro patrimoniale di Cir Food, prosegue la nota, ha riportato una crescita del 13% del capitale sociale, pari a 20 milioni, e un patrimonio netto di oltre 90 milioni. A quota 6.052 i soci lavoratori, in aumento del 2% rispetto all’esercizio precedente, ai quali sarà versato un ristorno di 2,2 milioni di euro. Quello del 2013, ha commentato nella nota la neopresidente Chiara Nasi, “è un risultato storico per Cir Food – che diventa estremamente significativo alla luce di un anno ancora difficile per l’economia e la stabilità del nostro Paese”. In questo contesto, ha chiosato, gli investimenti sono risultati “pari a 13,8 milioni, destinati innanzitutto alla creazione di nuovi centri produttivi e all’efficienza delle strutture operative, oltre che alla sicurezza e alla formazione costante del personale”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet