Cir Food, modello Expo


Cir Food investirà quest’anno 23 milioni di euro per replicare i nuovi format, messi a punto all’esposizione universale, nelle aree di ristoro di stazioni ferroviarie, aeroporti, autostrade e centri commerciali e per sostenere un piano di sviluppo che prevede anche l’espansione all’estero. Già presente in Belgio, dove gestisce gli asili nido della Commissione europea, guarda in primo luogo a Paesi come l’Olanda e la Germania. Contemporaneamente Cir Food cerca di riequilibrare la quota di fatturato che ora pende per il 74% dal pubblico, verso la ristorazione commerciale.Intanto è tempo di bilanci sul servizio di Expo. A maggio e a giugno i venti locali gestiti da Cir Food hanno servito circa 60 mila pasti al mese, pari a una media di circa 20mila consumazioni al giorno. L’obiettivo è arrivare a 50mila pasti al giorno.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet