Cinque acquirenti per Mariella Burani


© Telereggio1 MAR. 2012 – Sta per essere venduto il gruppo Mariella Burani, finito in amministrazione straordinaria dopo la crisi in cui l’ha portato la famiglia proprietaria. Ricevuto l’ok del ministero dello Sviluppo conomico, i tre commissari a gennaio avevano pubblicato un bando per la raccolta delle manifestazioni di interesse per l’acquisto del gruppo della moda, col polo industriale di Cavriago e la rete dei negozi di Roma, Pescara, Genova, Parma e Mantova.Sono quattro le offerte venute dall’Italia e una dall’estero da un fondo con sede a Hong Kong. Si è fatta avanti Itierre, controllata di It Holding, proprietaria della produzione e del marchio Gianfranco Ferré. Anche la Itierre, con sede in Molise, era finita in amministrazione straordinaria, ma ora è in mano a un nuovo imprenditore e si sta riprendendo dalle difficoltà. Altra offerta viene dalla holding Aip Italia, che opera nei settori dell’aerospazio e dell’elettronica, ma di recente ha rivolto la sua attenzione anche al mondo della moda con l’acquisto di Sartoria Partenopea, marchio di moda maschile made in Napoli.Due manifestazioni di interesse sono venute da Milano, una da una srl e l’altra dalla holding Media Parfums di Milano, operante nel settore dei profumi e della cosmesi. Infine, un’offerta è giunta dall’Asia, da un fondo con sede a Hong Kong: si tratta di Pyrrho Investment, società impegnata soprattutto nel settore immobiliare, ma che di recente ha anche cercato di entrare nel segmento della moda di lusso a Londra.Venerdì si terrà a Cavriago un’assemblea dei dipendenti di Mariella Burani, organizzata dai sindacati. La procedura di vendita si dovrebbe completare ad aprile.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet