Chi è la Burani Designer Holding?


11 GEN. 2010 – Una domanda sorge spontanea: chi è la Burani Designer Holding (Bdh), la società di cui la procura di Milano ha chiesto il fallimento? E’ la holding a monte della catena di controllo di Mariella Burani Fashion Group (Mbfg), il gruppo quotato a Piazza Affari che controlla anche Antichi Pellettieri. La società olandese, che secondo i pm Luigi Orsi e Mauro Clerici ha sede effettiva nel capoluogo lombardo, detiene il pacchetto di controllo di Mariella Burani (circa il 71% del capitale) attraverso la subholding Mariella Burani Family Holding. La storia di Burani Designer Holding passa attraverso la Borsa di Londra, dove è rimasta quotata sul mercato Aim dal giugno del 2007 al giugno del 2009. I Burani, insieme ad alcuni soci strategici, l’avevano portata in Borsa vendendo le azioni, in sede di offerta pubblica di vendita e sottoscrizione, a 7,47 euro a titolo e incassando 130 milioni di euro. La quotazione, aveva dichiarato l’allora presidente Giovanni Burani, mente finanziaria del gruppo di Cavriago e indagato a Milano, "ci permetterà di continuare la nostra espansione, sia organicamente che con acquisizioni, con l’obiettivo di diventare un fornitore importante di prodotti e servizi ispirati allo ‘italian lifestile’".Il destino di Bdh è stato però molto più amaro: il titolo ha imboccato la strada del ribasso fino a quando, nel giugno del 2009 l’assemblea della società, controllata dai Burani, ha deciso di delistare il titolo. Al momento dell’uscita dal listino le azioni valevano circa sette centesimi di euro (contro i 7,47 euro della quotazione). Ai soci di minoranza non è stata concessa neppure la consolazione dell’Opa residuale (non prevista dalla Borsa di Londra) e si sono così ritrovati in mano un titolo illiquido e completamente svalutato.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet