Che maltempo farà: tregua di due giorni poi di nuovo neve


7 FEB. 2012 – La tregua era stata calcolata. Oggi su tutta l’Emilia-Romagna ha ripreso a nevicare. Domani e dopodomani ci dovrebbe essere un nuovo stacco, anche se a restare sarà il gelo. Come conferma la protezione civile regionale, che giudica "inferiori alle aspettative" le precipitazioni nevose di oggi. Sono caduti 5-10 centimetri in Romagna e 10-15 nel resto della regione interessata alla nevicata: un fenomeno fisiologico e poco preoccupante se non si fosse aggiunto a quello dei giorni scorsi.L’attenzione è però rivolta alle temperature, soprattutto le minime, che arriveranno a -8 gradi in pianura, con punte di -13 nelle zone collinari e di montagna. Domani la protezione civile emetterà una nuova allerta nella quale sarà valutato il previsto impulso di fine settimana."Ci auguriamo – ha detto il direttore regionale della Protezione civile Demetrio Egidi – che sia una precipitazione come quella di oggi. Stiamo valutando insieme all’Arpa, ma oggi una quantificazione ed un’indicazione precisa di ciò che avverrà è prematura".IN ROMAGNA IN ARRIVO 14 MINI-TURBINE PER TOGLIERE NEVE La protezione civile dell’Emilia-Romagna ha anche comunicato l’acquisto di 14 mini-turbine (ordinate oggi e che entreranno in funzione giovedì) per liberare dalla neve le zone (soprattutto la collina e l’Appennino romagnoli) più colpite. In alcuni paesi della Valmarecchia e del Cesenate la coltre nevosa ha infatti toccato i due metri. Le mini-turbine si affiancheranno ai mezzi già inviati dalle province autonome di Trento e Bolzano. Come ha spiegato all’ANSA il direttore regionale della protezione civile Demetrio Egidi serviranno per intervenire nei luoghi dove i mezzi in dotazione, molto più grandi, non riescono a lavorare. La protezione civile ha acquistato anche 160 tonnellate di cloruro di magnesio, un sale speciale (che costa quattro volte di più di quello normale) che è ideale soprattutto per le basse temperature e che terrà il ghiaccio lontano dalle strade anche nei luoghi più freddi. 

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet