Cesena: oltre 800 controlli in aziende alimentari nel 2008


in collaborazione con Teleromagna28 FEB. 2009 – Garantire ai cittadini la salubrità dei cibi che ogni giorno arrivano sul loro piatto. E’ questo l’obiettivo per cui nel corso del 2008 sono stati effettuati dagli operatori d’Igiene degli Alimenti e Nutrizione dell’Ausl di Cesena oltre 800 controlli in più di 600 aziende del territorio nel settore alimentare. Al centro dell’attività ispettiva è stato il settore di produzione pasti, considerata la forte presenza di ristoranti, bar e strutture affini legate all’attività turistico ricettiva e di mense di ogni dimensione.In particolare, nel corso dei 514 controlli portati a termine sono state riscontrate irregolarità di tipo prevalentemente strutturale e riguardanti l’igiene delle lavorazioni in 131 aziende, ma solo in un caso si è reso necessario un provvedimento di sospensione dell’attività. Un altro settore di indagine particolarmente rilevante nel cesenate è rappresentato dal comparto agricolo, sia sul fronte della produzione primaria sia su quello della trasformazione e commercializzazione. Nel 2008 nelle strutture di lavorazione, trasformazione e conservazione di frutta e verdura si sono riscontrate irregolarità nel 23% dei casi, la maggior parte delle quali di tipo strutturale”. Nel campo del commercio degli alimenti si sono rilevate irregolarità in 23 delle 90 strutture controllate, mentre per quanto riguarda l’attività di campionamento degli alimenti solamente l’1% dei campioni alimentari analizzati (escludendo quelli ortofrutticoli) sono risultati irregolari. La ricerca di residui di prodotti fitosanitari negli alimenti di natura ortofrutticola in fase di produzione e di commercializzazione ha dato esito sfavorevole in 2 dei 102 campioni effettuati. Da notare che nell’arco dell’anno si è registrato un unico episodio confermato di tossinfezione alimentare di origine microbiologica (stafilococco), occorso in ambito domestico.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet