Cersaie, comincia il conto alla rovescia


Il taglio del nastro lunedì 26 settembre darà il via alla 34esima edizione di Cersaie alla Fiera di Bologna fino al 30 settembre. Un’edizione nel segno di architettura, design, mostre ed eventi, ma soprattutto con il “segno più” per i numeri 2016 del Salone Internazionale della Ceramica. Sei settori espositivi, su oltre 156mila metri quadrati, 852 espositori provenienti da 43 Nazioni, dall’Argentina, al Giappone, passando per tutti i Paesi Europei e gli Stati Uniti fino ad arrivare al Vietnam. Ed è proprio la componente estera che pone Cersaie ai vertici mondiali. Numeri presentati al Caffè Zanarini dai vertici di Confindustria Ceramica. Tra le autorità presenti al taglio del nastro ci sarà il anche il ministro per lo sviluppo economico Carlo Calenda per il convegno inaugurale dulla competitività della manifattura italiana nel mercato globale. Sul tavolo, per Confindustria Ceramica, c’è il rinnovo dei dazi antidumping, per tutelare il comparto. A poco meno di una settimana dall’inaugurazione, gli allestimenti non hanno subito battute d’arresto, nonostante lo sciopero dei lavoratori di BolognaFiere contro i 123 esuberi che hanno lasciato chiusi in cancelli per una mattinata, venerdì scorso e ai vertici di Cersaie sono arrivate le rassicurazioni sullo svolgimento della kermesse
.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet