Cercasi nuove cooperative culturali e creative


BOLOGNA, 18 OTT. 2012 – La Fondazione Unipolis del Gruppo Unipol sosterrà la nascita di nuove cooperative attive nel settore della cultura con un progetto di Start Up che dovrebbe vedere la luce a inizio 2013. L’ha annunciato Walter Dondi, consigliere delegato, durante il dibattito su ‘Cultura e giustizia sociale’ organizzato con il Dipartimento di Sociologia e diritto dell’economia e dell’impresa dell’Università di Bologna.Davanti ad una crisi che aumenta la forbice delle diseguaglianze, ha spiegato, occorre costruire una società più giusta e inclusiva. Ciò significa soprattutto "dare lavoro dignitoso alle nuove generazioni". E per farlo c’è solo una "scelta obbligata: fare di sapere, conoscenza e cultura la via per la creazione di nuove opportunità di occupazione". La Fondazione quindi, attraverso un bando finanzierà la nascita di coop culturali, gestite da under 35, e con chiare finalità sociali.Questo "perché siamo espressione di un gruppo a proprietà cooperativa, ma anche perché siamo convinti anche che questa forma di impresa corrisponda meglio di altre forme societarie al bisogno di fare insieme, e dare una finalità collettiva al lavoro".Non ancora stabilito quante risorse verranno messe in campo. L’anno scorso Unipolis ha speso il 65% del suo budget di circa 1,3 milioni di euro per sostenere diverse attività sociali, e quest’anno conta su un patrimonio quasi equivalente. Ma di sicuro la Fondazione fornirà alle aziende neonate anche un ‘incubatore’ di competenze, con una rete di supporto di servizi: dal credito al fisco, fino a quello legale."Destinare come fa il Governo delle risorse alle Start Up può essere un modo intelligente per dare una prospettiva – ha detto nel dibattito il presidente di Unipolis Pieluigi Stefanini – bisogna incominciare a ragionare su come ogni euro speso abbia la capacità di produrne uno, o due o tre. E’ il nostro modo concreto di fare qualcosa".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet