Ceramics of Italy va a NY e parla di pareti


SASSUOLO (MO), 15 FEB. 2012 – Ceramics of Italy sbarca nella Grande Mela e partecipa alla conferenza sulle facciate dal titolo "Creating the 21st Century Facade: How Architects and Fabricators are Advancing Curtain Wall Design in the Digital Age", con l’obiettivo di promuovere l’industria ceramica italiana negli Stati Uniti. L’incontro, organizzato per la prima volta dalla rivista The Architect’s Newspaper, avrà luogo durante tutta la giornata di domani giovedì 16 febbraio 2012 presso il McGraw Hill Auditorium di New York, dalle 8.00 alle 17.30, e vedrà come key-note speaker Patrik Schumacher, direttore dello studio Zaha Hadid Architects. Si affronterà il tema delle facciate ventilate a 360 gradi, parlando di materiali come vetro e metallo, fino ad arrivare alla ceramica. La sezione dedicata alle piastrelle di ceramica italiane, dal titolo "Creating Sustainable Facades with Metal, Mesh, Ceramic and Composites", si terrà alle ore 10.45. L’architetto Michael P. Johnson, titolare del MPJ Design Studio, illustrerà molteplici sistemi di pareti ventilate realizzate con piastrelle di ceramica italiane, focalizzandosi in particolare sugli aspetti di risparmio energetico ottenibili con questa specifica applicazione.Sono 11 le aziende italiane che partecipano all’iniziativa, esponendo i materiali e le proprie realizzazioni: Atlas Concorde, Casalgrande Padana, Coem, Cooperativa Ceramica d’Imola, Emilceramica, Florim, Lea, Marazzi, Mirage, Il Palagio e Ceramica Sant’Agostino.L’incontro è dedicato ad architetti, designers, developers, progettisti e costruttori che assisteranno all’illustrazione di case studies architettonici di recente realizzazione. Grande il riscontro di pubblico, a giudicare dai pre-registrati a pagamento a tale incontro, che mette in evidenza le tecnologie applicative più innovative possibili e realizzabili con la ceramica italiana.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet