Ceramics of Italy a Parigiospite di Maison&Objet


SASSUOLO (MO), 17 GEN. 2013 – La tradizione, la qualità, l’innovazione e la creatività della ceramica Made in Italy arricchiranno nel prossimo fine settimana la manifestazione considerata a livello internazionale lo “scrigno dell’arte di vivere”. Ceramics of Italy porta il meglio della produzione ceramica italiana a Parigi, presso il Parco Espositivo Nord Villepinte, dove è in programma Maison&Objet, il salone internazionale del design e della decorazione per interni. E che quest’anno, dal 18 al 22 gennaio 2013, ospiterà una rappresentativa delle aziende di Confindustria Ceramica. L’Italia si conferma al primo posto tra i Paesi fornitori della Francia nel settore delle piastrelle di ceramica, con una quota pari a circa il 40% del consumo nazionale e, a gennaio, sotto le insegne del marchio Ceramics of Italy, partecipa al salone della decorazione d’interni con una collettiva di oltre 300 mq. organizzata insieme a ICE, Agenzia per la promozione all’estero e l’internazionalizzazione delle imprese italiane. Confindustria Ceramica porta infatti a Parigi uno stand collettivo su tre aree distinte, ma coordinate, disegnato dagli architetti Dante Donegani e Giovanni Lauda, dove i visitatori potranno toccare con mano l’innovazione estrema e la ricercatezza estetica sofisticata della ceramica italiana. L’importanza della manifestazione è evidenziata anche dal fatto che nel Padiglione 5B "Actuel" – l’area dedicata al progetto – saranno infatti presenti sui tre stand collettivi Ceramics of Italy / ICE (R16-R25-R30) ventitre aziende ceramiche italiane, fra produttori di piastrelle e di sanitari in ceramica (questi ultimi presenti per la prima volta in fiera): Appiani, Atlas Concorde, Casa dolce casa, Ceramica Bardelli, Ceramica Sant’Agostino, Ceramiche Refin, Coem, Cooperativa Ceramica d’Imola, Cotto d’Este, FAP Ceramiche, Floor Gres, Gigacer, Giovanni De Maio, Globo, Litokol, Marazzi, Marca Corona, Mipa, Mosaico+, Naxos, Simas, Valdama, Vogue.Alla ricerca di una vetrina di prestigio internazionale visiteranno l’esposizione prescrittori in cerca di nuove mode e nuovi talenti, oltre a tutti i rappresentanti del trade della filiera dell’arredo e della decorazione. Un vero e proprio punto di riferimento, dunque, per architetti, decoratori d’interni, designers, direttori artistici, stilisti, agenzie di design, arredatori e giornalisti. Il rilievo che la fiera riveste nell’ambito del design e dell’abitare si riscontra nei numeri: oltre 3.000 espositori e 70 mila buyers. Suddivisi in diversi padiglioni tematici, i partecipanti troveranno infatti tutte le ultime novità della moda-casa e i marchi più esclusivi dell’habitat contemporaneo tra mobili, influenze etniche, artigianato artistico, tessuti per l’arredamento, accessori per la casa e per la tavola, oggetti da esterno per giardini e terrazzi, per un design di ultima tendenza.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet