Ceramics design award, i vincitori


E’ giunto alla terza edizione l’ADI Ceramics Design Award: a Cersaie 2016 il riconoscimento è stato consegnato ai sei vincitori e alla menzione d’onore direttamente dalla commissione di esperti che li ha selezionati: la designer Silvia Stanzani, il co-fondatore della rivista Il Bagno oggi e domani Oscar G. Colli, e Carlo Branzaglia, Presidente ADI Delegazione Emilia – Romagna. A introdurli, alla premiazione ospitata dalla cornice “marittima” della mostra Cer-Sail, il Presidente delle attività promozionali di Confindustria Ceramica Emilio Mussini.

L’ADI Ceramics Design Award, nato in collaborazione con ADI – Associazione per il Disegno Industriale nell’ambito delle attività culturali del programma ‘costruire abitare pensare’, valorizza i prodotti più innovativi del comparto ceramico italiano: impegnativo è stato il lavoro dei giurati, che in appena poco più di un giorno di lavoro non-stop hanno studiato e analizzato i prodotti esposti a Cersaie 2016, per selezionare poi i più meritevoli per originalità, tecnologia e innovazione.

Ad aggiudicarsi l’ambito premio, per quanto riguarda il settore di rivestimenti e pavimentazione, sono state le aziende Ornamenta, grazie al prodotto “Oplus” realizzato in collaborazione con Alessio Zanzarella; Piemme, con il suo “Bits&Pieces”, dal design di Gordon Guillaumier; Viva by Emilceramica, che ha colpito i giudici grazie alla superficie “L’H”, disegnata da Giancarlo Macchioni.

A emergere nel settore dell’arredobagno invece sono stati la Bertocci Bathroom Accessories e il suo prodotto “Fly”, dal design di Menghello, Paolello Associati; il Gruppo Tre S, premiato per il concept funzionale e innovativo dei due prodotti, piatto e doccia, “Muse / Scuretto”, su design di Marc Sadler; e l’azienda Verum Italy, che con Adriano Design ha ideato “Due Acca”, un rubinetto sanitario interpretato in modo del tutto originale.
Menzione d’onore è andata poi alla collezione di lavabi “Sharp” di Simas, per l’utilizzo inconsueto della vetrochina nel design di Simone Anzellini.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet