Ceramica, un manualeper lavorare sicuri


SASSUOLO (MO), 3 OTT. 2012 – Quattrocentotrenta pagine dedicate al lavoro in sicurezza nell’industria delle piastrelle di ceramica e scritte in collaborazione con le organizzazioni sindacali Filctem-Cgil, Femca-Cisl, Uilcem-Uil e le AUSL di Modena e Reggio Emilia. Confindustria Ceramica ha presentato a Sassuolo il Manuale per la Sicurezza in Ceramica, disponibile anche in formato elettronico. All’incontro, tenutosi questa mattina, erano presenti Enzo Mularoni, presidente della Commissione Sindacale di Confindustria Ceramica, Giuseppe Monterastrelli della Regione Emilia Romagna, Angelo Colombini, segretario nazionale Femca Cisl, e Samy Gattegno, presidente del Comitato Tecnico Sicurezza di Confindustria.Il nuovo Manuale per la Sicurezza in Ceramica, cui seguiranno analoghi Manuali per i settori dei refrattari e della ceramica sanitaria, è infatti il frutto del lavoro congiunto di esperti aziendali, organizzazioni sindacali e autorità di controllo, con la collaborazione di Federchimica-Ceramicolor, che ha elaborato la sezione dedicata alle sostanze. Alla presentazione del Manuale hanno partecipato oltre 150 persone, rappresentanti delle aziende ceramiche associate (imprenditori, direttori del personale, responsabili della sicurezza), funzionari sindacali nazionali e territoriali, RLS e RSU di aziende ceramiche, Medici del lavoro e direttori delle AUSL di Modena e Reggio Emilia.Il nuovo Manuale per la Sicurezza in Ceramica è il risultato di uno sforzo comune per la prevenzione, calata con successo in questo settore manifatturiero. Gli indici infortunistici di incidenza, frequenza e gravità, rilevati su di un campione di circa 13.000 addetti, sono in linea con i dati ufficiali raccolti dall’INAIL e mostrano una tendenza al miglioramento nell’ultimo triennio del 14% (da 59,9 a 51,4 infortuni ogni milione di ore lavorate; da 1,72 a 1,47 giorni di assenza dal lavoro ogni milione di ore lavorate). I giorni complessivi di assenza dal lavoro per infortunio o malattia professionale sono scesi del 21%, da 25.944 a 20.480, mentre il numero di casi denunciati è calato del 20%, da 902 a 717.In questo ambiente favorevole è maturato il nuovo Manuale per la Sicurezza in Ceramica, con l’obiettivo di sensibilizzare tutti gli operatori alla conoscenza dei pericoli e dei rischi presenti sul luogo di lavoro; generare comportamenti sicuri dei lavoratori e favorire una maggiore consapevolezza durante il lavoro; essere funzionale alla valutazione e alla gestione del rischio e alla predisposizione dei piani di miglioramento. Il documento procede da un’analisi rigorosa e aggiornata del processo produttivo, dal punto di vista tecnico e impiantistico. Questo metodo ha consentito di predisporre un indice completo dei vari argomenti di carattere generale (sicurezza, sostanze, igiene) e di parte speciale (produzione piastrelle), suddivisa a sua volta per ”reparti” e per “macchine”.L’Ingegnere Enzo Donald Mularoni, presidente della Commissione Sindacale di Confindustria Ceramica, ha ricordato che "il Manuale si inserisce in una scelta di impegno dell’associazione per il miglioramento continuo delle condizioni di salute e di sicurezza nei luoghi di lavoro quale condizione necessaria di sviluppo e qualità del settore. La pubblicazione del Manuale sarà infatti integrata dalle Linee guida per la realizzazione di un sistema di gestione della sicurezza e di Modelli organizzativi ‘231’ e dalle Linee guida sulla marcatura CE per le macchine ceramiche".Giuseppe Monterastelli, dirigente della Regione Emilia-Romagna e Responsabile della Tutela salute e luoghi di lavoro, ha apprezzato il metodo adottato per la stesura e la condivisione del Manuale, ricordando come "la Pubblica Amministrazione, in questo caso le AUSL di Modena e Reggio Emilia, possa collaborare attivamente con le parti, per favorire i processi di integrazione e coesione sociale di questo importante comparto industriale".Angelo Colombini, segretario Nazionale della Femca-Cisl è intervenuto anche a nome delle altre organizzazioni sindacali per sottolineare che "il nuovo Manuale troverà piena attuazione non solo a seguito della sua diffusione presso tutti gli addetti del settore, ma soprattutto attraverso un’azione formativa capillare e generalizzata dedicata al lavoro in sicurezza in ceramica". Samy Gattegno, componente del Comitato di Presidenza e Presidente del Comitato tecnico Sicurezza di Confindustria, ha concluso i lavori, affermando che "il Manuale per la Sicurezza in Ceramica rappresenta un’esperienza di grande interesse, dal momento che i soggetti coinvolti sono riusciti con successo a mettere in comune i loro interessi e le loro caratteristiche. È stato affrontato un lavoro complesso anche per le diversità dei punti di vista e il risultato è uno strumento articolato e concreto, che può costituire un obiettivo riferimento per il settore e un’interessante esperienza per altri comparti".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet