Ceramica: Marazzi, l’eccellenza di Mohawk


La Marazzi diventerà il centro d’eccellenza della produzione ceramica del colosso americano Mohawk. Una Holding da 3 miliardi di fatturato solo per il settore piastrelle. Lo ha detto l’amministratore delegato del Gruppo Marazzi Mauro Vandini partecipando alla tavola rotonda su Made in Italy e internazionalizzazione organizzata all’auditorium marco biagi in occasione della consegna del primo premio Filippo Marazzi.
La prima edizione del premio Filippo Marazzi, 5mila euro è andata a un giovane bosniaco naturalizzato italiano fuggito da Sarayevo a Pordenone, 20 anni fa, all’indomani dello scoppio della guerra nell’ex Jugoslavia insieme ai suoi genitori e ai suoi tre fratelli. Oggi, dopo essersi laureato con i massimi dei voti con una tesi sul made in Italy è stato strappato all’agguerrita concorrenza dalla Ferrero che lo subito dirottato a Lussemburgo. Il suo consiglio? Sacrifici e conoscenza delle lingue.
Alla tavola rotonda insieme a Vandini hanno partecipato anche Lisa Ferrarini del gruppo Ferrarini, Francesco Casoli del gruppo Elica, Vittorio Renzi amministratore delegato di Scavolini e Giuseppe Gavioli ad di Cnh Italia.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet