Ceramica, industria a -5,4%


Il 2013 rappresenta il punto minimo della congiuntura dell’industria ceramica italiana, il 2014 sarà quello della ripresa, che però sarà rallentata dagli irrisolti problemi di competitività del sistema Italia. È questa la fotografia che emerge dall’indagine di fine anno stilata da Confindustria Ceramica. Il 2013 dell’industria ceramica italiana registra esportazioni per 300 milioni di metri quadrati. Bene l’export che traina la ripresa con un +3% rispetto al 2012 mentre va male ancora in Italia dove si registra un ulteriore -5,4%. Dati confortanti arrivano dall’indagine previsionale 2014: nel nuovo anno arriverà la ripresa: previsto un +1,6% di vendite totali grazie alle esportazioni ed in particolare agli Stati Uniti dove è atteso un +8%. E mentre su scala nazionale il presidente Squinzi promuove la riforma del mercato del lavoro proposta da Renzi, da Sassuolo Confindustria Ceramica rilancia nuove misure per la competitività.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet