Ceramica, fatturato in aumento


Fatturato a 5,4 miliardi di euro, in aumento del 6%, con un export da 4,6 miliardi che ribadisce la centralità della ceramica nostrana a livello mondiale – soprattutto dal punto di vista tecnologico. I volumi, che pure tornano a sfondare la barriera dei 400 milioni di metri quadrati, sono ancora i due terzi circa dei livelli pre crisi. Vittorio Borelli, alla vigilia del suo ultimo anno da presidente di Confindustria Ceramica, spiega l’importanza di tornare ai livelli di inizio millennio anche dal punto di vista della quantità. Tra le cosiddette economie di scala sono inclusi i trasporti merci, i terzi fuochi e anche i livelli occupazionali. Che non crescono ancora, ma almeno vedono arrestarsi l’emorragia: i posti di lavoro perduti nel 2016 sono meno di duecento. Un primo, piccolo segnale di incoraggiamento.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet