Centri per l’impiego, boom di accessi


I Centri per l’impiego della Provincia di Modena negli ultimi cinque anni hanno visto aumentare del 70% il numero degli utenti, passando dai circa 9 mila iscritti attivi nella ricerca di lavoro del 2007 ai 22.190 dell’anno scorso, con una media di 315 accessi giornalieri. Nello stesso periodo il numero di servizi di primo livello offerti – accoglienza e informazione, servizi amministrativi quale ad esempio la gestione delle liste di mobilità o il riconoscimento dello stato di disoccupazione – sono raddoppiati, da 26 mila a 52 mila. A questi si aggiungono circa seimila prese in carico per ammortizzatori sociali in deroga (solo nel 2012). Pressoché invariato il numero di servizi specialistici di secondo livello per l’occupabilità delle persone – orientamento e accompagnamento al lavoro, ricerca di opportunità di lavoro – attestati intorno alle 13 mila unità oltre ai servizi di consulenza alle aziende.

L’ultimo quinquennio – ha spiegato l’assessore provinciale alle Politiche del lavoro Cristina Ceretti – «per effetto della crisi economica ha richiesto ai nostri sei Centri per l’impiego uno sforzo straordinario che non si esaurisce con la sola attività di intermediazione». E per favorire l’inserimento lavoratorivo, la Provincia ha promosso attività di formazione. Oltre 26 mila partecipanti, più di tremila attività di formazione professionale tra corsi veri e propri e azioni di accompagnamento al lavoro, un contributo totale di quasi 35 milioni di euro. Sono questi i tre principali dati di sintesi delle attività di formazione professionale finanziate grazie ai contributi del Fondo sociale europeo nella programmazione 2007-2013 e realizzate nell’ambito degli indirizzi definiti dalla Provincia di Modena.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet