Centergross conferma Gazzotti presidente


Centergross: conferma al vertice per la Presidente Gazzotti e la sua squadra. Il neo-eletto Consiglio di Amministrazione ha rinnovato la fiducia alla Presidente uscente e al suo vice Piero Scandellari per il terzo mandato consecutivo. Il Distretto del commercio all’ingrosso nei settori pronto-moda, tecnologia e servizi si prepara a un nuovo triennio improntato su sviluppo, innovazione e internazionalità.

“Vocazione internazionale, gestione oculata delle spese, crescita degli ingressi e visione lungimirante sono alla base di una conferma fondata sui risultati più che positivi della precedente gestione. Nel triennio 2013-2016 la Presidente Lucia Gazzotti e il Consiglio di Amministrazione del Centergross, uscito rinsaldato dalle elezioni del 23 novembre scorso, hanno operato con impegno e determinazione per affrontare le sfide di una congiuntura macro-economica sicuramente non facile e di un mercato globale in continuo mutamento”, spiega una nota.
Il Centergross ha ottenuto negli ultimi anni una sempre maggiore visibilità in Italia e all’estero, consolidando il proprio ruolo di distretto d’eccellenza per il fast-fashion Made in Italy, tecnologia e servizi. Con una superficie che supera il milione di metri quadrati, di cui circa 400 mila adibiti ad aree espositive e 100 mila ad uffici, il Centergross ospita oggi quasi 700 aziende e più di 6 mila addetti, e fa registrare un volume d’affari complessivo di circa 5 miliardi di euro all’anno.

La Presidente ha ottenuto la conferma dell’incarico anche grazie a un programma ambizioso, che intende continuare a favorire il processo di internazionalizzazione, promuovere attività di marketing e promozione del centro su mercati noti ed emergenti e dedicarsi contemporaneamente al popolamento in corso.I risultati ottenuti in questo senso sono più che positivi: superano oltre il 90% le superfici disponibili occupate, con un dimezzamento delle aree sfitte, scese dal 16,2 all’8,7% nel quinquennio 2010-2015. Ottimi anche i dati del bilancio, che confermano una gestione attenta delle spese, mai così basse negli ultimi 10 anni.

Dato in crescita è quello degli accessi, che fanno segnare un +35.000 unità nel 2015, raggiungendo quota 1.724.290 ingressi, per il 60% composti da buyer provenienti dall’estero.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet