“Cazzola non è il candidato del centro-destra, ma lo voteremo”


BOLOGNA, 7 MAR. 2009 – "Quando diciamo che Alfredo Cazzola è il nostro candidato vuol dire che riteniamo il suo programma e il suo modo di porsi idonei a risolvere i problemi di Bologna. Poi non gli mettiamo nessun vincolo, non è il candidato del centro destra. Ma il centro destra confluirà in cabina sul nome di Alfredo Cazzola". Lo ha detto a Bologna il Giampaolo Bettamio (Fi) senatore del Pdl, coordinatore del partito in Emilia-Romagna, rispondendo ai giornalisti che gli hanno chiesto se il candidato sindaco di Bologna ‘civico’ ed ex patron rossoblù Alfredo Cazzola fosse il candidato del centro destra. "Dopo avere approfondito le caratteristiche della Bologna di oggi e le sue necessità, abbiamo ritenuto che fra tutti i candidati per la nostra città, Alfredo Cazzola sia la persona più indicata per risolverne i problemi concreti. Quella di Cazzola – ha detto ancora Bettamio, interpellato a una iniziativa politica locale – è una candidatura sulla quale noi convergiamo senza condizionare nessuno, tantomeno lui, che comunque sa che questo mondo lo segue, lo appoggia e lo stima. Poi, i risvolti politici sono immaginati da chi li vuole, perché noi non ne abbiamo". Il senatore ha pure comparato gli elementi base del programma di Cazzola e le ultime iniziative del governo, sottolineando che "c’é piena sintonia tra l’azione al vertice e alla base, sintonia che non troviamo in altri candidati che si propongono a Bologna". "Cazzola – ha aggiunto il senatore Massimo Palmizio – ha un solo obbligo, deve vincere".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet