Cazzola mette in vendita gli assessori virtuali


BOLOGNA, 11 GIU. 2009 – "Per quanto Cazzola pensa di prendere ancora in giro i bolognesi? Quando comincerà a parlare di cose serie invece di fare solo chiacchere?". Flavio Delbono, candidato sindaco di Bologna per il centrosinistra, ha risposto al suo avversario nel ballottaggio del 21-22 giugno che, poche ore fa, ha lanciato un appello al grande escluso Giorgio Guazzaloca, facendo intendere di essere pronto ad allargare la sua giunta: "Cazzola conferma come la destra sia sempre in maschera", ha detto in una nota.Secondo Delbono, infatti, "prima in pompa magna Cazzola propone una giunta virtuale che ora è pronto a cambiare, dilatando il numero degli assessori pur di imbarcare qualche transfuga guazzalochiano", quindi "ha detto che non voleva Berlusconi, ma ne ha messo il nome nel suo simbolo, poi lo ha invocato e ora se ne vergogna tanto che non sa dire se verrà o meno". Sulla stessa linea anche Paolo Nanni dell’Italia dei Valori: "A destra è cominciata la compravendita di voti e poltrone. Uno spettacolo indecente e vergognoso". Per Nanni, però, "il Pdl si rassegni: a Cazzola e Berlusconi mancano i numeri per governare Bologna".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet