Cattabiani: “Favorevole alla fusione tra Confcooperative e Legacoop”


TRENTO, 31 MAG – All’assemblea dei soci del Sait è entrato oggi anche il tema nazionale della fusione tra le due principali centrali cooperative, Confcooperative e Legacoop. Tutti sono d’accordo sulla necessità di farla è stato detto – ma nessuno la fa. Pierluigi Angeli, presidente nazionale di Federconsumo, citando l’accordo trentino del ’93 con Coop Italia e poi la fusione tra Federazione e Legacoop del 2000 – rimasto l’unico caso in Italia – si è detto convinto che a livello nazionale questa fusione non si farà mai, perché se ne parla da troppo tempo ma non si prendono decisioni. In sala c’era Paolo Cattabiani, presidente del Distretto adriatico di Coop Italia e presidente attualmente anche di Legacoop Emilia Romagna, che rappresenta il 60% della Lega nazionale. “Posso confermare – ha detto Cattabiani, che la mia federazione è favorevole alla fusione, quindi il 60% di Legacoop è favorevole”. Il presidente della Federazione Trentina delle Cooperative Diego Schelfi ha parlato in qualità di vicepresidente nazionale di Confcooperative. “Ho fatto tutto il possibile per favorire la fusione – ha detto -, dal convegno al Festival dell’Economia con i presidenti nazionali dei due organismi, all’invito esplicito al presidente di Confcooperative Luigi Marino”. Nessun risultato concreto però è stato sinora raggiunto. (ANSA).

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet