Castagnetti: il nostro capo è il Papa


25 MAR. 2009 – Dario Franceschini ha taciuto in tutti questi giorni sulle polemiche sollevate in tutto il mondo (meno che nella dependance vaticana in cui si è ormai ridotta l’Italia) dalle parole di papa Ratzinger sulla pericolosità dei preservativi nella lotta all’Aids. Un po’ di ex Ds all’interno del Partito democratico hanno scalpitato sottovoce. Gianni Cuperlo ha detto che “l’altro giorno abbiamo concluso la direzione scambiandoci il segno della pace”. Amen.Spiega tutto con la consueta efficacia e chiarezza l’onorevole Pierluigi Castagnetti: “Gli ex diesse fanno fatica a capire. Quelli che per noi sono passi da gigante, come i passi in avanti fatti sul testamento biologico, per loro sono passettini. Noi non abbiamo una tradizione socialdemocratica o comunista. Non facciamo parte di un filone culturale. Noi abbiamo due appartenenze: una alla Chiesa, l’altra alla politica. Per me, come per Franceschini, per tutti noi cattolici insomma, il vero capo è lui: il Papa”.Ecco, gli ex diesse facevano fatica a capirlo. Adesso faranno meno fatica.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet