Cassa Risparmio Ravenna cede crediti in sofferenza


Cessione, da parte del gruppo bancario Cassa di Risparmio di Ravenna, alla società americana Bayside Capital di un portafoglio di crediti in sofferenza ipotecari, per un valore lordo di 34 milioni di euro circa. E’ quanto si legge in una nota dell’istituto di credito romagnolo secondo cui l’operazione si perfezionerà entro la fine del mese di maggio con la cessione dei crediti ad un veicolo per la cartolarizzazione e la sottoscrizione delle note da parte di Bayside. La Cassa di Risparmio di Ravenna e Bayside sono stati assistiti nell’operazione da Eidos Partners, Fare Npl e dallo studio legale Jones Day. Fare Npl si occuperà anche della gestione del portafoglio. L’operazione, che ha interessato le tre banche del gruppo – Cassa di Risparmio di Ravenna, Banca di Imola e Banco di Lucca e del Tirreno -, spiega la nota, “risulta particolarmente interessante per il mercato Italiano dei crediti deteriorati, dove cessioni di portafogli ipotecari sono state fino ad oggi abbastanza rare”. Per Bayside, chiosa la nota, e’ stata la prima acquisizione di un portafoglio dei cosiddetti ‘non performing loans’ sul mercato italiano. Bayside fa parte del gruppo americano Hig Capital che ha una significativa presenza sul territorio italiano.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet