Cassa integrazione straordinaria alla Flexi-Bord


È stato sottoscritto nei giorni scorsi in Provincia un accordo di cassa integrazione straordinaria per riorganizzazione aziendale, per l’azienda Flexi-Bord spa, con sede e stabilimento a Luzzara, nel reggiano. La ditta ha un organico di 74 dipendenti, opera nel settore industriale ed è specializzata nella produzione di bordi per mobili in plastica. Nello scorso mese di agosto l’azienda è stata interessata da una rilevante trasformazione dell’assetto proprietario, con il subentro della Giplast Group spa alla precedente proprietà, con un conseguente apporto di capitali, sia per un aumento del capitale sociale sia per investimenti.

A seguito di questa novità, l’azienda, la RSU aziendale e la Filctem/Cgil di Reggio Emilia, grazie al supporto della Provincia di Reggio Emilia, hanno raggiunto un accordo di cigs per riorganizzazione aziendale. L’obiettivo è di raggiungere, attraverso investimenti, percorsi formativi e l’ottimizzazione della struttura produttiva, la valorizzazione e il rilancio dello stabilimento.

“L’accordo sottoscritto permette a un’importante ditta della bassa reggiana di riorganizzare la propria struttura aziendale – commenta il vicepresidente Pierluigi Saccardi – al fine di meglio rispondere alle esigenze del mercato. La condivisione del percorso tra azienda, lavoratori e sindacato è un ulteriore, importante segnale, che dimostra come sia possibile reagire alla crisi economica, ristrutturare e investire in una struttura produttiva salvaguardando l’occupazione, nel contesto della normativa vigente”.

“Bisogna dare atto alle parti e alla Provincia di Reggio Emilia di aver pazientemente individuato, nei vari incontri organizzati, un percorso che salvaguarda il lavoro e la professionalità dei 74 dipendenti della ditta – prosegue Saccardi – essere imprenditori oggi vuol dire accettare le sfide del mercato, anche con una visuale di natura sociale, ed individuare soluzioni che permettano di guardare al futuro con meno preoccupazione. Oggi i nostri territori, e l’Italia in generale, hanno bisogno di imprenditori, di lavoratori, di sindacati e di istituzioni che accettino la sfida posta dalla crisi economica e dalla recessione”.

“A fronte dell’immobilismo che ha caratterizzato, per troppo tempo, l’economia italiana – aggiunge il vicepresidente della Provincia – oggi il lavoro del Governo, combinato con quello delle istituzioni locali e delle parti sociali, può aiutare questo Paese ad uscire dal baratro in cui rischia di sprofondare, combattendo insieme una battaglia comune per il lavoro, la competitività, gli investimenti e la salvaguardia del tessuto produttivo. Voglio anche far presente che, con la trasformazione dell’assetto proprietario della Flexi-Bord, con l’ingresso della Giplast Group spa, è nata una realtà imprenditoriale tra le prime in Italia nel settore della produzione di bordi per mobili”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet