Casari resta in carcere. Parla Monti


Resta in carcere Roberto Casari, l’ex presidente della Cpl Concordia al centro dell’inchiesta su presunte tangenti in cambio di appalti condotta dalla Procura di Napoli. L’ha deciso il tribunale del Riesame che contestualmente ha disposto la trasmissione degli atti a Modena per competenza territoriale, esattamente come era stato deciso nei giorni scorsi per gli altri manager del gruppo Francesco Simone, Maurizio Rinaldi e Nicola Verrini.  A quanto si è appreso resta invece a Napoli la competenza per l’appalto sulla metanizzazione a Ischia. Mentre si compone il puzzle giudiziario Lega Coop fa scudo contro la corruzione. “Le vittime siamo noi la reputazione è il nostro bene comune” ha detto ieri il presidente  Mauro Lusetti di fronte alla commissione antimafia”, ribadendo la volontà di Lega Coop di costituirsi parte civile nel processo contro la cooperativa 29 giugno coinvolta nell’inchiesta Mafia Capitale.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet