Cariparma, utile netto a 182 milioni


Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole conferma la sua posizione patrimoniale solida: senza includere l’apporto del risultato 2014, l’indicatore di Common Equity Tier 1 si posiziona al 10,9% ed il Total Capital ratio al 13,2%, su livelli superiori ai minimi regolamentari indicati dalla BCE nelle sue recenti comunicazioni. Più che soddisfacente anche il livello di liquidità: la raccolta diretta, pari a 37,1 miliardi di euro, è in crescita del +1,5% rispetto a fine 2013 (Sistema -1,6% a/a), anche grazie al collocamento di un covered bond sul mercato. L’operazione, lanciata nel mese di dicembre con l’obiettivo di sostenere la crescita degli impieghi a famiglie e imprese, ha ricevuto un grande interesse da parte degli investitori, che hanno riconosciuto l’elevata solidità del Gruppo Cariparma Crédit Agricole. Gli impieghi si posizionano a 37,3 miliardi di euro, in crescita del +2,4% a/a, rispetto ad un Sistema in contrazione (-1,8% a/a). In particolare si conferma in crescita il comparto dei mutui casa (grazie all’erogazione di circa 16.500 prestiti nel 2014, +32% a/a). Sul fronte del sostegno alle aziende continua l’impegno del Gruppo nel settore agro-alimentare, nel quale si contano oltre 29mila clienti (+8% a/a) ed impieghi in crescita di circa 250 milioni di euro rispetto a fine 2013. La massa amministrata totale del Gruppo si attesta a 94,1 miliardi di euro, in crescita del +8% rispetto a dicembre 2013. La raccolta indiretta si attesta a 57 miliardi di euro. Sostenuta la performance della raccolta gestita (+20% vs dic-13), trainata da un collocato di oltre 6 miliardi di euro (+56% a/a) tra fondi comuni, Sicav e prodotti assicurativi. Segno positivo anche per la raccolta amministrata (+7,2%), in parte determinata dal miglioramento delle quotazioni dei titoli. In crescita la clientela, supportata anche dal conto corrente on line “Conto Adesso”: nel 2014 sono stati circa 115.000 i nuovi clienti acquisiti (+10% a/a circa).

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet