Cariparma, miglior banda per le reti mutui retail


Il Gruppo Cariparma Crédit Agricole ha ricevuto il premio Miglior Banca per le Reti Mutui Retail in occasione della terza edizione del Leadership Forum Awards, evento organizzato da MFC Communications. La serata di premiazione, che si è svolta recentemente a Milano e a cui hanno partecipato oltre 250 rappresentanti del settore della consulenza creditizia, è stato solo l’atto conclusivo di un premio che si propone di individuare e premiare l’eccellenza in campo bancario e assicurativo.

Il primo posto, ottenuto dal Gruppo “per aver sempre continuato a erogare con prodotti rapidi e con tempi di risposta efficienti”, testimonia la vicinanza dell’istituto al tessuto economico e sociale dei territori di presenza e ne conferma la leadership sul fronte dei mutui casa, da sempre prodotto bandiera di Cariparma Crédit Agricole.
La nuova offerta mutui del Gruppo, pensata per giovani e famiglie, prevede un tasso fisso al 2,50% per i primi 24 mesi e porta in dote un elettrodomestico SMEG, azienda simbolo del made in Italy. Lanciata lo scorso giugno, sarà attiva fino a fine 2013.

“La nuova offerta mutui è solo una delle iniziative che abbiamo pensato per rispondere ai bisogni dei nostri clienti – ha spiegato Gianluca Borrelli, Direttore Centrale Retail del Gruppo Cariparma Crédit Agricole. Sottolineando il suo valore, questo premio non solo conferma gli ottimi risultati che abbiamo raggiunto sul fronte mutui, ma è anche la dimostrazione di come il nostro Gruppo stia operando nella giusta direzione: partecipare concretamente alla ripresa economica attraverso il sostegno a famiglie e imprese”.

Il Gruppo continua a dimostrare la capacità di offrire sostegno all’economia nazionale attraverso un’attività di banca tradizionale, garantendo la continuità nel sostegno a famiglie e imprese, con una forte attenzione alla qualità del credito. Sono questi i punti cardine che hanno permesso a Cariparma Crédit Agricole di non far mancare la propria professionalità anche in un contesto come quello attuale.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet