Carim, allungato periodo di esclusiva per Cariparma


Concesso da Banca Carim a Crédit Agricole Cariparma, interessata ad acquisire l’istituto di credito riminese, “un ulteriore periodo di esclusiva, per il completamento delle attività di confronto con tutti i soggetti coinvolti, fino al 30 settembre”, alla luce della “manifestazione di interesse non vincolante formalizzata” dalla stessa Crédit Agricole Cariparma lo scorso 9 maggio e successivamente rinnovata il 2 agosto. Nella nota con cui comunica l’estensione del periodo di esclusiva per l’istituto parmigiano, la banca romagnola comunica anche i coefficienti patrimoniali rilevati al 30 giugno e segnalati a Banca d’Italia: il CET1 Ratio si è attestato al 6,53% contro il 7,80% richiesto da Bankitalia, il Total Capital Ratio al 8,13% contro l’11,30%, e il Tier1 Ratio al 6,53% contro il 9,30%. “Nell’ultimo semestre – viene spiegato – il Consiglio di Amministrazione di Banca Carim ha messo in atto numerose iniziative funzionali alla ricapitalizzazione e sono tuttora in corso le attività legate alla manifestazione di interesse non vincolante formalizzata da Crédit Agricole Cariparma per il possibile acquisto da parte di Cariparma di una partecipazione di controllo nel capitale sociale di Carim, previa cartolarizzazione delle esposizioni deteriorate e ricapitalizzazione della Banca da parte dello Schema Volontario del Fondo Interbancario di Tutela dei Depositi”. Quindi, conclude la nota, “a tal fine è stato concesso a Crédit Agricole Cariparma un ulteriore periodo di esclusiva, per il completamento delle attività di confronto con tutti i soggetti coinvolti, fino al 30 settembre”.

Riproduzione riservata © 2017 viaEmilianet