Capodanno, brindisi rigorosamente italiano


Il brindisi di San Silvestro sarà rigorosamente italiano e all’insegna della qualità. Lo afferma
Domenico Zonin, presidente di Unione Italiana Vini (Uiv), organizzazione che rappresenta oltre il 50% del fatturato nazionale nel settore del commercio vinicolo e l’85% dell’export. Secondo stime dell’Osservatorio del Vino promosso dall’Unione Italiana Vini, saranno oltre 56 milioni le bottiglie
di bollicine tricolore stappate complessivamente durante queste feste, contro i 2,5 milioni di quelle straniere. Il consumo sarà marcatamente spostato verso gli spumanti di qualità, quindi con
un’indicazione geografica specifica. Dalle stime dell’Osservatorio del Vino, sulla base dei dati
elaborati da Uiv, Ismea, Wine Monitor e Sda Bocconi, emerge che il comparto nazionale dei vini spumanti chiuderà il 2015 con una produzione di 519 mln bottiglie nel 2015 (+10% su 2014); tiene
il mercato interno con una crescita annua in valore del 7% e un incremento medio dei consumi del 4%. “Desidero ringraziare – conclude il presidente Zonin – i milioni di consumatori italiani
che continuano a scegliere bollicine tricolori, gratificando le centinaia di migliaia di lavoratori che operano ogni giorno nelle nostre vigne e nelle nostre cantine per regalarci un prodotto diventato simbolo e vanto del made in Italy nel mondo. Il primo brindisi del nuovo anno lo dedicheremo proprio a loro”.

Riproduzione riservata © 2019 viaEmilianet