Cantine Riunite & Civ investe sul BIO. Fatturato oltre i 580 milioni


Il conto economico 2017 per Cantine Riunite & Civ e per il Gruppo Italiano Vini nel suo complesso si chiude con una conferma: la leadership tra i gruppi vitivinicoli italiani e con uno sguardo sul futuro: un importante investimento nei vigneti dei soci conferitori per potenziare la linea di VINI BIO. Il fatturato consolidato salirà oltre i 580 milioni di euro che posiziona GIV tra i grandi player a livello mondiale.
Una scelta di campo che si abbina al massiccio investimento sui mercati esteri ribadito nel corso dell’assemblea dei soci che stamattina alla Cantina Albinea Canali di Reggio Emilia davanti al sindaco Luca Vecchi e al presidente di Legacoop Agroalimentare Giovanni Luppi.
I soci di Cantine Riunite & Civ sono 1.700 e possono contare su un utile netto di 4,7 milioni e su una patrimonializzazione rilevante (161 milioni di euro).
L’assemblea ha confermato Corrado Casoli alla presidenza e Claudio Biondi alla vicepresidenza.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet