Cantina Carpi e Sorbara, due nuovi punti vendita


La Cantina di Carpi e Sorbara – una delle più importanti realtà cooperative nel settore vitivinicolo emiliano romagnolo con 1.100 soci, 400.000 quintali di uva lavorati all’anno e un fatturato vicino ai 28 milioni di euro – ha riaperto i due punti vendita della Cantina di Bazzano, rinnovati nei locali ed arricchiti nell’offerta. Sabato 11 ottobre, infatti, sono stati inaugurati – sotto l’insegna “Qui Da Noi” – i punti vendita della Cantina a Bazzano (BO) e a Castelfranco Emilia (MO) alla presenza del presidente di Fedagri/Confcooperative Emilia Romagna Carlo Piccinini. Merlot, Cabernet, Barbera e Pignoletto dei Colli Bolognesi (nelle tre varianti fermo, frizzante e spumante) e l’intera gamma dei Lambruschi della Cantina di Carpi e Sorbara rappresentano l’offerta di vini di qualità presenti nell’assortimento dei punti vendita. Un sommelier dell’Associazione Italiana Sommelier (AIS) ha curato la degustazione guidata dei vini, gustosamente abbinati a frittelle, crescentine e salumi tipici del territorio.

 

Il folto pubblico presente ha riservato particolare attenzione ed apprezzamento al Pignoletto frizzante Tesi, fiore all’occhiello della produzione enologica del territorio, e al Lambrusco di Sorbara Secco DOP “Omaggio a Gino Friedmann 2013”, recentemente premiato dal Gambero Rosso con i “Tre bicchieri”. “Questo importante riconoscimento – afferma Carlo Piccinini, vicepresidente della Cantina – è il risultato dell’investimento attuato dai nostri soci attraverso la riconversione di una parte dei vigneti per valorizzare la qualità e la tipicità della produzione. Grazie a questo impegno, oggi, siamo la prima cantina sociale cooperativa dell’Emilia Romagna a ricevere i ‘Tre bicchieri’”. “Con i ‘Tre Bicchieri’ – conclude Piccinini – viene premiata anche la linea seguita dalla nostra cooperativa, che negli ultimi dieci anni ha investito con decisione sull’innovazione tecnologica al fine di migliorare costantemente le caratteristiche organolettiche delle proprie produzioni”.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet