Campus del biomedicale,si riparte dall’eccellenza


MODENA, 24 OTT. 2012 – E’ stato colpito più di tutti gli altri settori dal terremoto, con un crollo delle esportazioni del 39 per cento su base annua nel secondo trimestre 2012, quello delle scosse. Ma è proprio anche grazie al biomedicale che Mirandola vuole rinascere. Tenendosi stretta la sua eccellenza e valorizzandola attraverso il Campus del biomedicale, un progetto che connette il sistema formativo con il distretto e che è stato presentato a oltre 500 studenti delle scuole superiori Luosi e Galilei e delle medie Montanari.Il laboratorio, un open space di 112 metri quadrati con aula multimediale che sorgerà nel nuovo polo scolastico superiore, intende portare avanti il progetto Biomedicale nato nel 2008 dalla collaborazione tra il liceo Pico e Confindustria Modena Area Nord.A rendere possibile la realizzazione del Campus è la Fondazione Specchio dei Tempi de La Stampa di Torino. Un impegno nato dalla volontà dei suoi lettori, che hanno chiesto di aprire una sottoscrizione a sostegno dei paesi terremotati, e che rende ancora più saldo il gemellaggio tra il capoluogo piemontese e Mirandola.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet