Campi in affanno, chiesta l’anticipazione dei fondi Pac


Caldo, siccità, e poi – in alcune zone – temporali con grandine e raffiche di vento. Non c’è pace in campagna. Coldiretti chiede alla Regione Emilia Romagna e all’assessore Caselli di attivarsi nei confronti degli Enti preposti per ottenere l’anticipazione dei fondi Pac per le aziende agricole” spiega Mauro Tonello, Presidente della Coldiretti Emilia Romagna .“Le tensioni sui prezzi agricoli, soprattutto per quanto riguarda l’ortofrutta ed i prodotti lattiero caseari, unitamente al gran caldo che ha colpito le nostre campagne generando maggiori costi e al proseguimento dell’embargo verso e dalla Russia, crea problemi seri alle imprese. Poter avere prima i fondi che la UE stanzia per il settore diventa indispensabile per dare continuità alle attività  e garantire alta qualità e sicurezza alimentare ai consumatori”. “Il comparto agricolo – conclude Tonello – ha un valore sociale, economico e anche ambientale per il ruolo che svolge nella tenuta dei territori anche nelle zone più svantaggiate in montagna ed in un momento di difficoltà come quello che le imprese agricole stanno vivendo, l’anticipo dei fondi Pac, che metterebbe a disposizione velocemente risorse finanziarie alle imprese agricole, può rappresentare un’importante boccata d’ossigeno”.

 

La violenta grandinata e il forte vento che hanno colpito nel tardo pomeriggio di ieri la zona pedecollinare della provincia di Modena non ha lasciato indenne la campagna. Lo rendono noto le associazioni agricole modenesi (Coldiretti, Cia, Confagricoltura, Copagri) nel sottolineare che la grandine, caduta in taluni casi con chicchi grandi come noci, ha colpito la zona del Lambrusco di Castelvetro a poche settimane dall’inizio della vendemmia. I tecnici delle associazioni sono impegnati in queste ore nei sopralluoghi nelle aziende colpite nel frattempo si chiede lo stato di calamità.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet