Camorra, dieci arresti per estorsioni in Romagna


BOLOGNA, 22 FEB. 2011 – Le estorsioni ci sono, solo che chi è vittima non le denuncia. Questo è un minimo comune denominatore tra sud e nord. Sia nei territori d’origine della criminalità organizzata, che in quelli in cui cercano di insediarsi, è difficile contrastare reati che non vengono segnalati. Altra cosa in comune tra settentrione e meridione, è che le vittime di solito sono comunque native del sud. Un’eccezione è stata fatta per la Romagna, dove un’operazione dei Carabinieri e della Direzione distrettuale antimafia ha portato alla luce estorsioni compiute ai danni di imprenditori originari della riviera.Si chiama operazione "Vulcano", ed è stata condotta dai Carabinieri del Ros e dalla Dda di Bologna. Ha portato all’arresto di dieci persone indiziate di estorsione aggravata dal metodo mafioso, ma soprattutto ha evidenziato ancora una volta come la riviera romagnola sia terra di conquista per la criminalità organizzata campana, anche quella legata ai clan dei Casalesi.Gli arrestati appartengono a tre diversi clan campani che si erano saldati in Romagna, appunto, per compiere estorsioni tra Rimini, Riccione e San Marino, e fare prestiti a tassi usurari ai danni di numerosi imprenditori locali. E per svolgere la loro attività in Romagna i clan avevano esportato anche i metodi: i pestaggi innanzitutto. Ad esempio per convincere pienamente un imprenditore a pagare, lo hanno portato in un capannone ad assistere al pestaggio di un’altra persona – un usuraio vittima di estorsione – entrata nel mirino dei campani. In un’altra occasione, sempre per essere convincenti, hanno minacciato il rapimento del figlio."La capacità di intimidazione è forte anche in aree diverse da quelle di origine", hanno spiegato i militari del Ros. In pratica – secondo le indagini coordinate dal Pm della Dda Enrico Cieri – si sono saldate le attività di tre clan diversi: quello dei Vallefuoco, quello dei Mariniello di Acerra, e quello dei Casalesi, frazione Schiavone. I tre gruppi criminali si sarebbero fronteggiati minacciando il ricorso alle armi, ma i capi campani avrebbero raggiunto accordi pacificatori per la ripartizione a tre dei proventi delle estorsioni in Romagna."La zona è terreno di conquista per le attività di estorsione dei clan campani", ha detto il Procuratore capo di Bologna e vertice della Dda, Roberto Alfonso. "L’inchiesta – ha aggiunto – ha confermato il tentativo di infiltrazione in regione della criminalità organizzata di diverse zone del sud". Tra l’altro nessuno degli imprenditori taglieggiati (e sarebbero nell’ordine di decine) aveva presentato denuncia.Sono stati i Carabinieri del Ros, che indagavano dal 2008 sui campani, ad accorgersi di quello che stava accadendo. Sono stati messi davanti al fatto compiuto e loro hanno confermato. Gli uomini dei clan avrebbero agito più o meno nello stesso modo: avvicinavano imprenditori che sapevano con qualche difficoltà economica ma che avevano dei crediti da recuperare. Riuscivano a farsi affidare il recupero dei crediti, ma alla fine esigevano più denaro dell’ammontare del credito recuperato. Così facevano entrare l’imprenditore in un giro vizioso con l’obiettivo finale di farsi cedere l’attività, anche per lavare denaro sporco.Per compiere questa operazione c’era sempre un emissario del clan che diventava inizialmente amico dell’imprenditore e anche della sua famiglia (in alcuni casi le rispettive mogli andavano a fare shopping insieme). Lo portava a cena fuori, offrendo lui. Poi gli faceva da consulente e finto mediatore con i clan nelle fasi dell’estorsione.In particolare ad essere stati presi di mira dai camorristi sono stati un imprenditore edile con società a San Marino e la moglie titolare di una boutique a Riccione e un altro imprenditore, del settore abbigliamento, di Rimini. La coppia avrebbe ceduto tra beni e denaro circa 200.000 mila euro. Secondo gli investigatori gli indagati erano in procinto di costringere le vittime a cedere imprese ed immobili e imporre la forzata sottoscrizione di una poliza vita, il cui premio sarebbe stato poi incassato dai camorristi in caso di morte.Nel quadro si inserisce anche una finanziaria, la Fincapital di San Marino, che "interagiva" anche con il clan dei Vallefuoco. E che nell’estate scorsa è diventata oggetto di interesse pure dei Casalesi, che però non sono riusciti a rilevarla perché le autorità sammarinese l’hanno commissariata.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet