Caldo e afa fino a venerdì, allerta in tutta l’Emilia-Romagna


BOLOGNA, 17 AGO 2009 – E’ in arrivo l’ennesima ondata di calore di quest’estate. L’incremento delle temperature sul territorio dell’Emilia-Romagna sarà sensibile fino a venerdì. Le temperature massime potranno raggiungere i 36 gradi in pianura, con punte massime di 38 nell’interno. La protezione civile ha diffuso una allerta per l’attivazione di una fase di attenzione fino a venerdì alle 20.Gli alti tassi di umidità associati alle alte temperature, potranno determinare forte disagio nelle zone interne della pianura e nei centri abitati. La protezione civile ricorda che le categorie più esposte al rischio di malesseri sono neonati, bambini, le persone con più di 65 anni, ed i pazienti affetti da patologie cardiocircolatorie, da difficoltà respiratorie o sofferenti di alta pressione. La Pc raccomanda, tra le altre cose, di evitare prolungate esposizioni al sole, di premunirsi di scorte d’acqua se ci si mette in viaggio.Per eventuali informazioni è attivo in numero verde del Servizio sanitario regionale 800.033.033 (gratuito ed attivo tutti i giorni feriali dalle 8:30 alle 17:30, il sabato dalle 8:30 alle 13:30). La Ausl di Bologna ha spiegato che l’ondata di caldo è prevista, in particolare, per domani e mercoledì nell’area di Bologna, Casalecchio di Reno, Castel Maggiore, San Lazzaro di Savena e nei comuni dell’area di Pianura. Telefonando al numero verde 800.562.110, attivo 24 ore su 24, sette giorni su sette, si possono ricevere informazioni sui rischi e comportamenti da adottare. Ultrasettantacinquenni e anziani fragili possono essere inseriti nel progetto di sostegno e-Care Oldes, gestito da CUP 2000 per conto della Conferenza territoriale sociale e sanitaria e dell’Azienda Usl di Bologna. Oltre alla attenzione per bambini, anziani con patologie croniche, per chi ha difficoltà ad orientarsi e a persone non autosufficienti, la Ausl raccomanda attenzione anche per gli anziani che vivono da soli, per le persone che lavorano all’aperto o in ambienti nei quali c’é produzione di calore.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet