Calciomercato all’emiliana


BOLOGNA, 3 GEN 2010 – Il Bologna costretto a vendere, il Parma ancora intenzionato a rafforzare la rosa. Questi gli orientamenti delle due emiliane di Serie A, impegnate da ieri nella sessione invernale di calciomercato. In meno di due giorni le grandi società si sono già spartite i grandi giocatori "precari": Beckham al Milan, Pandev all’Inter, Toni alla Roma e, forse, Ledesma alla Juventus. La Fiorentina ha annunciato l’arrivo del centrale difensivo ex Udinese Felipe, il Napoli quello di Modesto dal Genoa, che si è consolato con l’arrivo in prestito dall’Inter di David Suazo, e ha messo sul mercato Floccari, arrivato alla corte di Gasperini con la pretesa di sostituire il Principe Milito e mai esploso veramente.IL PARMA COMPRA – Proprio su Floccari potrebbe entrare in gioco la prima delle emiliane in classifica, il fantastico Parma di Ghirardi, quarto a parimerito con la Roma a due punti dalla Juventus terza. L’attaccante infatti è stimato da Guidolin e potrebbe essere un partner d’attacco eccezionale per Bojinov. Già promesso alla Lazio, il giocatore è però rimasto deluso dal trattamento riservatogli da Lotito, che gli avrebbe chiesto un grosso sacrificio economico, dell’ordine di 150 mila euro annui. Il Parma si è dunque affacciato alla finestra, ma resta un grave problema trovare un accordo con Preziosi, che dopo l’alterco di qualche settimana fa con Panucci e Ghirardi potrebbe non voler sentire parlare di compromessi con la dirigenza gialloblù.Per il Parma si parla anche, sempre in tema di attaccanti, del ritorno di Cristiano Lucarelli, ceduto solo in prestito al Livorno e di nuovo in rotta con il presidente Spinelli. In uscita, invece, potrebbero finire Budel, Cordova e Pisanu: per loro ci sarebbero diverse offerte sia da club di serie A che da formazioni di B. IL BOLOGNA VENDE – Tutto diverso il discorso per il Bologna. I Menarini, reduci da un anno alquanto travagliato, in cui hanno ammesso di aver ricevuto consigli sulla gestione societaria e sportiva niente meno che da Luciano Moggi, cominciano il nuovo anno con le casse vuote e gli stipendi arretrati dei giocatori da pagare. "Il geometra Menarini ha assicurato che onorerà tutti gli impegni" ha detto ieri alla stampa il nuovo direttore generale Luca Baraldi. Tuttavia, sembra scontato che la squadra possa cedere qualche giocatore per risparmiare sugli ingaggi e, magari, guadagnare qualche soldo fresco. I nomi non sono molti, perché non sono molti i giocatori che possono avere mercato. Uno è il giovane Osvaldo, pagato a peso d’oro dalla Fiorentina (su consiglio di Moggi?) un anno fa e mai utilizzato con continuità dai vari allenatori rossoblù. "Lo cederemo in prestito in Inghilterra – ha confermato Baraldi – non in Italia per evitare di dare una mano alle dirette concorrenti per la salvezza". La soluzione del prestito potrebbe essere gradita al giocatore, che di certo non deve gradire rimanere tutte le domeniche in panchina nonostante il modulo a tre punte adottato da Colomba. L’altro giocatore in partenza potrebbe essere il difensore Britos, "ma solo di fronte a un’offerta irrinunciabile, non due milioni e nemmeno quattro, e forse nemmeno otto", ha precisato Baraldi. Il difensore è probabilmente il miglior giovane passato tra le mani del Bologna dai tempi di Brighi, e potrebbe avere mercato tra le società che lottano per l’Europa: Fiorentina, Genoa e Palermo. Certo, privarsi di un giocatore di prospettiva così presto potrebbe rivelarsi una scelta miope da parte della società, che tuttavia ha bisogno di capitali anche per cercare qualche innesto mirato gradito a Colomba. Per ora, però, sui nomi dei possibili arrivi la società felsinea mantiene il massimo riserbo. Baraldi ha anche smentito la possibilità, ventilata dal Ds della Fiorentina Pantaleo Corvino, che il portiere Viviano (il cui cartellino appartiene in comproprietà a Inter e Fiorentina, ndr) potesse rientrare in anticipo a Firenze: "Rimarrà da noi fino a giugno", ha detto Baraldi, mentre non è esclusa anche la possibilità di cedere Marazzina. Va da sé che "se fossero ceduti sia lui che Osvaldo, il Bologna dovrebbe comprare un altro attaccante".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet