Cade un Cessna, doveva trasportare l’equipe trapianti da Modena a Cagliari


BOLOGNA, 7 FEB. 2009 – Avrebbe dovuto trasportare due medici dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena il Cessna 650 che stamane e’ esploso in volo sui cieli alla periferia sud di Roma nei pressi di Trigoria. Il trapianto e’ previsto ugualmente nel tardo pomeriggio di oggi a Modena. I due medici modenesi – afferma una nota dell’Azienda ospedeliero-universitaria di Modena – che attendevano il suo arrivo a Bologna all’Aeroporto ‘Guglielmo Marconi’ per le 6.30, avvertiti della notizia, sono rientrati al Policlinico verso le 8.00. Avrebbero dovuto recarsi in Sardegna al Centro Trapianti di Cagliari, dove i colleghi locali stavano eseguendo un prelievo multiorgano su un donatore, il cui fegato era destinato ad un paziente cinquantanovenne dell’Emilia-Romagna, ricoverato al Policlinico di Modena.Il prelievo multiorgano e’ stato comunque eseguito regolarmente dai medici sardi e nel tardo pomeriggio, completati tutti gli accertamenti del caso sulla compatibilita’ dell’organo, l’equipe chirurgica guidata dal prof. Fabrizio di Benedetto della Struttura Complessa di Chirurgia dei Trapianti dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Modena, diretta dal prof.Giorgio Enrico Gerunda, potra’ eseguire il delicato intervento. Il paziente che avra’ il fegato trapiantato -affermano i medici modenesi- e’ ‘tranquillo e sereno’. La notizia di quanto accaduto ha naturalmente scosso tutto l’ambiente sanitario e medico di Modena, che ora sente su di se’ anche la responsabilita’ di far si’ che il sacrificio dei due piloti romani non sia stato inutile.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet