Caab, per il settimo anno bilancio in attivo


Il Centro Agroalimentare Bologna archivia il 2017 con il 7° esercizio in utile consecutivo, sulla base dei dati discussi nella mattinata di oggi – martedì 19 dicembre – dal suo Consiglio di Amministrazione. Lo hanno annunciato, con l’Assessore al Bilancio, Finanze e Partecipazioni Societarie del Comune di Bologna Davide Conte, i vertici CAAB: il Presidente Andrea Segrè e il Direttore Generale Alessandro Bonfiglioli, anticipando che «la pre-chiusura 2017 include il versamento, anticipato di oltre due anni, dell’importo di 7 milioni € al Comune da CAAB, a titolo di rimborso del debito risalente ancora alla costituzione della Società, che si sommano ai 4 milioni € versati sempre in anticipo nei due esercizi precedenti. Negli ultimi esercizi CAAB ha corrisposto al Comune la somma complessiva di € 20 milioni, tra rimborso del debito, interessi e imposte locali. La chiusura 2017, che sarà approvata dall’Assemblea di CAAB nella primavera 2018, si preannuncia in miglioramento rispetto all’utile dell’esercizio 2016. «Negli esercizi 2011 / 2016 CAAB ha registrato oltre € 3.000.000 di utile netto complessivo post imposte – spiega il Presidente CAAB Andrea Segrè – in posizione di assoluta eccellenza nel sistema dei centri agroalimentari italiani. Valorizzare l’asset pubblico significa prefigurare una strategia complessiva: cinque anni fa il Centro Agroalimentare ha promosso e avviato il progetto della Fabbrica Italiana Contadina, concretizzato nel 2017. Una proposta che si è confermata altamente attrattiva per gli investitori ed è stata realizzata senza risorse pubbliche, portando sul territorio investimenti per oltre 150 milioni di Euro negli ultimi 3 anni e oltre 1000 posti di lavoro. Nel frattempo CAAB ha realizzato importanti investimenti sul piano della sostenibilità e possiamo oggi annunciare che a breve potenzieremo di oltre 450mila kilowatt l’impianto fotovoltaico, il più vasto d’Europa su tetto, che tra l’altro alimenta la Fabbrica Italiana Contadina con una produzione energetica pari circa a 15 MWh».

La nuova tranche fotovoltaica CAAB sarà realizzata grazie al bando del Fondo Energia Emilia Romagna assegnato nelle scorse settimane e coinciderà con l’installazione nell’area CAAB di 8 nuove colonnine di ricarica per veicoli elettrici. « Dal primo gennaio – anticipa il Direttore Generale Alessandro Bonfiglioli – i veicoli totalmente elettrici per trasporto merci potranno accedere gratuitamente a tutte le piattaforme CAAB, mentre i mezzi ibridi pagheranno il 50% del canone. Rispetto ai dettaglianti il risparmio previsto è di circa 600 € su base annua. CAAB installerà contestualmente un impianto di accumulo energetico da 200mila kilowatt e punterà all’utilizzo di gas naturale per sopperire al fabbisogno elettrico in orario notturno, attraverso la totale autosufficienza energetica 24 h / giorno». Novità anche in tema di sicurezza nel luogo di lavoro: CAAB annuncia di aver completato con successo l’iter per il conseguimento della prestigiosa certificazione OHSAS 18001 per il sistema di gestione della Salute e della Sicurezza sul lavoro. Lo standard BS OHSAS 18001 è stato pubblicato da British Standards Institution e definisce i requisiti di un Sistema per la gestione dei rischi per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro.

Riproduzione riservata © 2018 viaEmilianet