Caab, nuovo modello di business


Un incontro per illustrare le strategie che hanno portato CAAB dal 2011 ad oggi a chiudere i bilanci in positivo. Le chiavi di lettura di questo nuovo modello di business sono state illustrate dal Professore Emerito di Strategie Aziendali dell’Alma Mater Studiorum di Bologna, Giovanni Lorenzoni in una conferenza all’Accademia Nazionale dell’Agricoltura. Punti di forza della strategia della società consortile sono stati la velocità di attuazione del nuovo modello, la visione a lungo termine, l’innovazione e la sostenibilità (sia economica sia ambientale). Alla conferenza sono intervenuti anche i vertici di CAAB: il Presidente Andrea Segrè e il Direttore Generale Alessandro Bonfiglioli. Segrè ha sottolineato l’importanza dell’aver messo a valore il Pubblico con risorse anche Private a beneficio di entrambi, attraverso la valorizzazione di un bene comune: il cibo, diritto universale che sarà al centro dell’Expo. La progettualità a lungo termine come carta vincente è stata ribadita anche da Tiziana Primori, Amministratore Delegato di Eataly World Bologna. Un Modello di Business che il Professor Lorenzoni ha definito “ibrido” perchè fondato su valenze diverse (economiche organizzative e sostenibili) e inserito in una strategia “circolare”. Sulla sigla dell’accordo con le aziende grossiste per lo spostamento dell’area mercatale, il presidente Segrè ha assicurato che la tabella di marcia sarà rispettata.

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet