C’è il Btp Day, tappeto rosso ai risparmiatori


24 NOV. 2011 – Se volete bene all’Italia, comprate titoli di Stato. Suona più o meno così l’invito dell’Abi. L’associazione bancaria italiana, per invogliare all’acquisto famiglie e imprese, si è inventata il Btp-day. Si tratta di una giornata in cui gli istituti bancari che aderiscono all’iniziativa non faranno pagare commissioni d’acquisto sui titoli legati al debito pubblico italiano. L’appuntamento è per lunedì 28 novembre, ma in programma c’è già il bis del 12 dicembre. Lunedì prossimo, il 28, l’iniziativa sarà riferita al mercato secondario, ovvero riguardante i titoli già emessi dal Ministero dell’Economia e delle Finanze e in circolazione sul mercato tra risparmiatori, investitori ed intermediari. Sull’acquisto di questi titoli dunque i clienti non pagheranno le commissioni normalmente previste (fatto salvo quanto pattuito per l’eventuale accensione di un deposito titoli, qualora il cliente non dovesse già averne uno attivo). l 12 dicembre, invece, il Btp-Day riguarderà i titoli di nuova emissione, ovvero quelli in asta.Tra le banche che aderiscono c’è anche la Bper. In una nota l’istituto spiega che ai suoi clienti sarà consentito di "investire in titoli del debito pubblico rinunciando totalmente alle commissioni di negoziazione. Famiglie, imprenditori o imprese ne potranno tutti beneficiare, rimangono esclusi solo gli investitori istituzionali.""L’investimento in titoli di Stato da parte dei cittadini – si legge nella nota – può essere un contributo importante per dimostrare la fiducia che gli italiani hanno nel proprio Paese. Investire in titoli di Stato italiani in questo momento potrebbe aiutare a migliorare l’attesa complessiva dei mercati nei confronti dell’Italia". Il condizionale è d’obbligo, perché è plausibile che non si arrivi a grandi numeri. Con la conseguenza che ai mercati il Btp Day non farà nemmeno un po’ di solletico.L’iniziativa del 28 novembre, conclude il comunicato, "si applica a tutti i titoli di Stato italiani già emessi e dunque in circolazione fra cui Buoni Ordinari del Tesoro (BOT), i Buoni del Tesoro Poliennali (BTP), i Certificati del Tesoro Zero Coupon (CTZ), i Certificati di Credito del Tesoro (CCT / CCEU) e i Buoni del Tesoro Poliennali indicizzati all’Inflazione Europea (BTP€I)".

Riproduzione riservata © 2016 viaEmilianet